Le armi nucleari provocano una reazione di terrore come poco altro al mondo. Ed è un bene che sia così perché una guerra nucleare sarebbe una catastrofe.
postato da mondoacolori il 10/09/2017
Categoria: Estero - tags: armi atomiche + corea del nord + guerra

Le armi nucleari provocano una reazione di terrore come poco altro al mondo. Ed è un bene che sia così.

Le esplosioni nucleari producono effetti distruttivi immediati e ritardati. L'esplosione, la radiazione termica e la radiazione ionizzante rapida causano distruzioni significative in pochi secondi o minuti di una detonazione nucleare. Gli effetti ritardati, come la caduta radioattiva e altri effetti ambientali, causano danni in un periodo prolungato che va da ore a anni.

Una guerra nucleare sarebbe una catastrofe. Un attacco nucleare militarmente plausibile, anche "limitato", potrebbe uccidere persone e infliggere danni economici su una scala cui l'uomo non è preparato; uno scambio nucleare su vasta scala sarebbe una calamità senza precedenti nella storia umana. La mente rifiuta di prevedere i dettagli di una tale calamità. Tuttavia resta il fatto che la guerra nucleare è possibile e la possibilità di una guerra nucleare si è fatta parte del fondamento della politica internazionale, sin dai tempi dell'uso delle armi nucleari nel 1945.

Gli effetti di una guerra nucleare non possono essere calcolati e probabilmente l'effetto ultimo sarebbe l'estinzione dell'homo sapiens dalla faccia della terra.

Per questo non si può non essere d'accordo con chi come Andrea Riccardi o Rachel Bronson indicano il dialogo come unica via possibile per evitare un conflitto che assumerebbe dimensioni devastanti per tutta l'umanità.

Gli strateghi militari tendono a basare i loro calcoli su fattori che possono essere controllati o previsti ma, è il caso di ribadirlo, controllo e previsione sono impossibili quando si parla di armi atomiche. Anche l'impatto di una "piccolo" o "limitato" attacco nucleare sarebbe enorme. È quindi ragionevole supporre che le estreme incertezze sugli effetti di un attacco nucleare, nonché la certezza che le conseguenze minime sarebbero enormi, sia un ruolo nell'azione dissuasiva delle armi nucleari.

Ma non viviamo in un mondo ragionevole. Per questo è utile ricordare che anche la situazione in cui i (pochi e non probabili) superstiti di un attacco nucleare si troverebbero sarebbe senza precedenti. La nazione sopravvissuta sarebbe molto più debole - economica, sociale e politica - di quanto si calcolasse aggiungendo le risorse economiche e le abilità delle persone sopravvissute. Le risorse naturali sarebbero distrutte; l'equipaggiamento sopravvissuto sarebbe stato progettato per utilizzare materiali e competenze che potrebbero non esistere più; e certamente alcune regioni potrebbero essere quasi inabitabili.
Inoltre, i modelli di comportamento precedente la guerra dovrebbero sicuramente cambiare, anche se in modi imprevedibili. Infine, l'intera società subirebbe l'enorme shock psicologico di aver scoperto la portata della sua vulnerabilità.

Per un certo periodo di tempo, le persone potrebbero vivere delle risorse lasciate da prima della guerra.
Ma i sopravvissuti si troverebbero in una gara impossibile da vincere per tornare a produrre i beni di prima necessità prima che le scorte si esauriscano completamente. Parliamo di molte morti aggiuntive e molti ulteriori deterioramenti economici, politici e sociali.

Un danno del dopoguerra devastante quanto il danno delle esplosioni nucleari.
Pensiamoci bene prima di sostenere le ragioni di un intervento militare contro la Corea del Nord.

Fonte: https://www.riccardiandrea.it/2017/09/di-fronte-allincubo-atomico-piu.html