Buriani Lame da oltre 40 anni si occupa della progettazione e della realizzazione di lame industriali. L’esatto settore di operatività è quello della meccanica di precisione: costruiscono su...

L'Oro rallenta la corsa, preoccupante il mercato delle materie prime

Per chi segue, almeno in parte, l'andamento del mercato relativo i metalli, sa bene che fino a qualche tempo fa l'oro era in piena corsa; pare però che la perdita di fiato da parte sua si sia rivelata cosa davvero rapida. Il recupero è durato davvero poco e questo malgrado il boom presentato dagli acuisti sul fronte della Cina. Quello che è apparso come un rimbalzo davvero spettacolare avvenuto qualche venerdì addietro, quando si è potuta evidenziare la nascita una corrente davvero in controtendenza rispetto alla restante parte delle materie prime, identificando nel mercato dell'oro un aumento di oltre i 4 punti di percentuale, si è rivelato poco più che una cometa, un passaggio lampo che aveva colto l'interesse di molti. Nessun seguito quindi alla scalata di uno dei metalli più preziosi al mondo; questo come detto è avvenuto al di là dell'importante sorpresa cinese riguardante una corposa importazione di oro che ha attraversato la dogana di Hong Kong. Tutto questo preoccupa gli analisti poiché è un quadro sbilanciato che si presenta proprio quando il mercato fisico di altri metalli provenienti dalla Cina si presenta più debole e mette a rischio un vasto orizzonte di aziende ed industrie occidentali la cui attività si basa in buona parte sulla disponibilità di terre rare e metalli industriali, come ad esempio l'hi-tech dei telefonini e dei macchinari di precisione utilizzati per realizzare lame industriali, guide di scorrimento e guide per macchine utensili, inducendo i paesi europei a velocizzare e incrementare gli sforzi rivolti all'industria del recupero e del riciclaggio, prospettiva poi non troppo negativa.