Gli italiani sono sempre più in sovrappeso e aumenta il tasso di persone obese. Questo è ciò che emerge dalla Relazione sullo Stato Sanitario del Paese presentata recentemente al Ministero della...
postato da Mara121 il 14/12/2012
Categoria: Medicina e Salute - tags: obesita + obesita italia

OBESITA' IN ITALIA – Gli italiani sono sempre più in sovrappeso e aumenta il tasso di persone obese. Questo è ciò che emerge dalla Relazione sullo Stato Sanitario del Paese presentata recentemente al Ministero della Salute. I dati Passi2010 (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) rivelano che in Italia il 32% degli adulti risulta in sovrappeso, mentre l'11% è obeso. Ciò significa che più di quattro adulti su dieci, il 42%, sono in eccesso ponderale. L'eccesso ponderale cresce in modo rilevante con l'età. L’aumento di peso colpisce soprattutto gli uomini, e in generale le persone con basso livello di istruzione e in quelle con maggiori problemi economici.

IL PAESE SI SPACCA IN DUE – A livello geografico il Paese di divide in due. Infatti è al Sud Italia che si registrano le percentuali più alte di persone sovrappeso e obese. Statisticamente si osservano delle differenze significative tra le Regioni, con il picco massimo in Puglia che conta una percentuale del 49%. La provincia di Trento invece – con solo il 29% – è il territorio con la percentuale più bassa. Il 97% degli intervistati nell'ambito del progetto Passi 2010 dichiara di mangiare frutta e verdura almeno una volta al giorno. Il 39% riferisce di mangiarne 3-4 porzioni, mentre solo il 10% ne consuma almeno 5 porzioni al giorno. Le donne risultano essere quelle che consumano 5 porzioni di frutta e verdura al giorno più frequentemente, poi vengono le persone piu adulte tra i 50 e i 69 anni e quelle con un livello di istruzione alto. Il valore più basso si registra nelle Asl della Calabria (6%), quello più alto invece in Liguria (20%).

UN FENOMENO IN PREOCCUPANTE AUMENTO – Dai dati Passi 2010 emerge anche che un terzo della popolazione tra i 18 e i 69 anni di età è completamente sedentario, non svolge alcun tipo di attività fisica nè al lavoro nè nel tempo libero. Anche in questo caso il Paese si spacca e il Sud risulta essere la parte dove la sedentarietà è più diffusa. Le persone tra 50 e 69 anni, le donne, coloro con un livello di istruzione più basso e coloro che si trovano ad avere molte difficolta economiche si rivelano le più sedentarie. Oltre a pigrizia, vita sedentaria, poco sport, e cattive abitudini alimentari, tra le cause del sovrappeso e dell’obesità ci sono anche il consume di alcool e il vizio del fumo. Dalle ultime stime raccolte sul fenomeno dell'obesità pare che in Italia entro il 2025 si potrebbero raggiungere addirittura i 20 milioni di obesi.

Fonte: http://www.121doc.it/press/italiani-sempre-piu-obesi-8707.html