Articolo sul libro di Fabio Marchesi Io scelgo, io voglio, io sono

Articolo sul libro di Fabio Marchesi Io scelgo, io voglio, io sono

 

 

Io scelgo, io voglio, io sono è il libro di Fabio Marchesi edito da Tecniche Nuove alcuni anni fa.

E' un libro che nel mentre ha avuto un certo successo, un po' perchè sincero e spontaneo (si sente la genuina passione di Marchesi per la crescita personale e il benessere), un po' perchè decisamente multidisciplinare: esso difatti tratta tematiche come la fisica quantistica, la legge dell'attrazione, le affermazioni positive, le convinzioni personali, e dunque l'esistenza in senso lato.

Da Io scelgo, io voglio, i sono estrapolo un paio di spunti, e ve li sottopongo per darvi un'idea di come sia il libro, nel caso siate indecisi se acquistarlo.

Peraltro, preciso che lo stesso incipit del libro è decisamente ispirante, così come la conclusione, entrambi sotto la forma di metafora trasformazionale.

Ma sentiamo che dice Fabio Marchesi sulle credenze personale e i punti di vista che si possono avere: “se si vuole iniziare a vivere in modo più felice la propria vita, bisogna iniziare anche a vedere tutto ciò che di felice esiste già nella realtà. La prima cosa su cui si dovrebbe riuscire ad intervenire sono i propri modelli mentali. Cambiando le proprie credenze, anche i propri modelli possono cambiare e allora cambia anche il modo in cui viene percepito il mondo perché la propria percezione sensoriale viene filtrata e riorientata in funzione delle proprie credenze. Chi è incapace di produrre credenze e modelli felici è anche incapace di accorgersi di tutte le opportunità felici che la realtà gli offre e continuerà a vivere nel suo mondo grigio e triste, vedendo solo quello che è grigio e triste in esso.
Ognuno vive una propria realtà individuale in un universo condiviso e in comunione di intenti.
La realtà che ognuno vive è l’effetto del suo modo di credere, interpretare , giudicare e pensare la propria realtà. Solo cambiando il proprio modo di credere, interpretare, giudicare e pensare la realtà, anche la propria realtà può cambiare.”

Detto ciò, che tipo di atteggiamento è bene avere per essere felici e attrarre nella propria esistenza cose altrettanto felici? Ecco qui che dice Fabio Marchesi : "è certamente importante quello che si vive nel presente ma è soprattutto importante come si reagisce a ciò che si vive nel presente, se si è capaci di partecipare attivamente e consapevolmente a ciò che si vivrà in futuro producendo nuove informazioni o se ci si limita a subire passivamente ogni esperienza producendo informazioni caotiche che generano impedimenti e ostacoli. Le esperienze che vivi e vivrai dipendono moltissimo dai contenuti delle informazioni che sono presenti nella tua mente e che sono generate da essa, ma anche da quelle presenti e generate dalla mente di altri e da quelle che sono presenti nella realtà indipendentemente da te. Che tu possa conoscere le altre informazioni è difficile ma anche poco importante perché quello che è determinante relativamente alle tue esperienze è ciò che produci tu nel presente, se riesci a produrre informazioni coerenti, chiare e felici, capaci o meno di entrare con forza in comunione di intenti con la realtà.
(…) Riguardo alle informazioni presenti nella realtà indipendentemente da te, poiché la realtà è un processo evolutivo che si realizza grazie alla comunione di intenti tra le informazioni pure, può spontaneamente produrre solo collassi di funzioni d’onda felici, buoni, amorevoli ed evolutivi (indipendentemente dalla capacità dell’uomo di giudicarli tali). Anche solo smettendo di pensare a qualsiasi cosa brutta o infelice si tende spontaneamente a vivere esperienze belle, felici ed evolutive perché quella la tendenza naturale della realtà e di chiunque viva in essa.
È per questo che è importante che qualunque tuo pensiero o desiderio sia felice. Il tuo solo essere felice ti mette – indipendentemente da cosa stai pensando per esserlo – in potente comunione di intenti con te stesso e la realtà dando ai tuoi pensieri e desideri forza affinché possano, interagendo con tutte le altre informazioni, guidarne l’attuazione.
La trama della realtà è la tela su cui puoi e devi scrive ciò che vuoi vivere perché essa è sempre in ascolto e aspetta da te le informazioni con le quali produrre le esperienze che ti riguardano e che ti coinvolgono.”

Concluso questo articolo di approfondimento su Io scelgo, io voglio, io sono di Fabio Marchesi, vi rimando al prossimo articolo di approfondimento.

 

 

Fonte dell'articolo sul libro di Fabio Marchesi Io scelgo, io voglio, io sono

Fonte: http://pnlapprendimentosviluppopersonale.blogspot.com/2011/10/io-scelgo-io-voglio-io-sono-fabio_19.html