Quali i finanziamenti riservati ai lavoratori dipendenti e quali ai lavoratori atipici.

Indap e le offerte mutui e prestiti

postato da camilla borsari il 01/05/2011
Categoria: Finanziamenti e Prestiti - tags: banche + finanziarie + mutui + prestiti

Dopo l’Inps, il secondo ente pensionistico e di previdenza in Italia è l’Inpdap, l’istituto nazionale di previdenza per i dipendenti, e i pensionati, della pubblica amministrazione. Questo istituto si occupa, tra l’altro, di erogare finanziamenti agevolati, sia prestiti personali che mutui.

Il nostro consiglio è di visitare il sito web dedicato all’Inpdap, molto ben strutturato, denso di informazioni molto chiare in merito ai diversi finanziamenti, dal quale potrete scaricare online la modulistica per le richieste.

L’Inpdap eroga tre tipi di prestito personale: piccoli prestiti, per importi pari ad otto mensilità al massimo, erogati a tasso fisso, da rimborsare in piccole rate; prestiti pluriennali diretti e pluriennali garantiti, per importi più elevati, erogati ad un tasso vantaggioso che si aggira intorno al 3,50%, da rimborsare con rate che non superino il quinto dello stipendio.

Anche i mutui indap sono vantaggiosi per il tasso di interesse; i mutui per l’acquisto di una casa arrivano fino a 300 000 euro, quelli per la ristrutturazione fino a 100 000. Per poter richiedere un prestito o un mutuo all’Inpdap bisogna avere un’anzianità lavorativa di almeno quattro anni; il recupero del debito avviene attraverso cessione del quinto dello stipendio o della pensione.

Attraverso il sito internet potete richiedere dei preventivi gratuiti online con il calcolo della rata, scaricare i modelli per le domande, le quali vanno però presentate di persona al competente ufficio territoriale o provinciale dell’ Inpdap.

Per un lavoratore dipendente e non, con una posizione comunque consolidata, ottenere un prestito non è difficile, ma la cosa cambia se consideriamo la schiera dei lavoratori cosiddetti atipici: lavoratori assunti con contratto a tempo determinato e part-time, di formazione, di collaborazione, contratti a progetto, precari. A questi soggetti non è preclusa la possibilità di ottenere un prestito o un mutuo, ma poiché sono minori le garanzie offerte dalla loro posizione economica, a loro sono riservate altre formule di finanziamenti, come i prestiti il cui rimborso non va oltre la durata del contratto, i mutui che consentono il salto di un certo numero di rate o la sospensione di pagamento in caso di temporanea perdita del lavoro. Molte Finanziarie concedono prestiti ai lavoratori atipici: fate una ricerca attraverso i siti web per trovare informazioni specifiche e chiedere preventivi online.