Scopri come il network marketing può aiutarti ad uscire dalla crisi e come puoi lavorare da casa.
postato da elitegirl il 12/06/2012
Categoria: Lavoro - tags: guadagnare da casa + lavorare da casa + network marketing
lavorare da casa

Come dice il noto imprenditore, scrittore e uomo d'affari statunitense Robert Kiyosaki: “Questo non è un gioco di destrezza o una scorribanda di sei mesi su un'auto rubata del tipo “colpo di fortuna”: è un business serio.” Stiamo parlando di una reale opportunità di guadagno, di un vero business che richiede molto impegno e che permette di mettersi in proprio investendo pochissimi soldi, quindi è veramente alla portata di tutti ed offre a chiunque l'opportunità di lavorare da casaQuale altra attività imprenditoriale si può aprire con piccoli investimenti e senza correre grandissimi rischi? Trovarne una è difficilissimo, anzi forse è impossibile! Come dice Robert Kiyosaki, parliamo di qualcosa di molto serio, di una vera attività in proprio e non di un gioco o da un lavoretto da fare ogni tanto per tirare su giusto qualche soldo, non è che lavorare da casa significhi non fare niente o non doversi impegnare, non è certo che per guadagnare non ci sia da impegnarsi, c'è molto da fare e bisogna farlo con la massima serietà e con grandissimo impegno. D'altra parte qualsiasi attività seria richiede impegno. Il network marketing (detto anche multilevel, mlm o multilevel marketing) è una di quelle poche soluzioni alternative per uscire da questo momento di grave crisi economica, da non confondere appunto con un “lavoretto saltuario” da fare solo quando capita per passatempo oppure peggio ancora per gioco. Qualcuno ancora confonde erroneamente il mlm con le catene di Sant'Antonio, ma può stare tranquillo perchè questo tipo di business è regolamentato dalla legge nr 173 del 10 agosto 2005. Stiamo parlando di un sistema alternativo a quello tradizionale per vendere prodotti di ogni tipo e cioè di un'attività commerciale dove si guadagna anche costruendo una rete commerciale a livello locale o internazionale e se questa rete porta realmente qualcosa sul mercato si guadagna. Cosa ben diversa sono le catene di Sant'Antonio, nelle quali non esiste niente da vendere, semmai c'è è solo qualche prodotto di fittizio che serve a far affiliare gente, ma realmente sul mercato non si porta nulla e perciò queste sono vere truffe. Quindi siamo di fronte a una serissima opportunità imprenditoriale da prendere in grande considerazione per superare questi momenti di difficoltà economica.

 

 

Fonte: http://www.gruppoelite.org