Ernia Roma - Le CAUSE dell’ernia inguinale: In condizioni normali nell'adulto i visceri addominali non fuoriescono attraverso tali porte, ma una serie di fenomeni possono determinare tale...

ERNIA INGUINALE è un tipo particolare di ernia addominale


Ernia Roma -
L'ERNIA INGUINALE è un tipo particolare di ernia addominale.
Con il termine di Ernia si intende la fuoriuscita di un viscere addominale (grasso, intestino, vescica) dalla sua sede abituale attraverso una zona di maggiore debolezza della parete muscolare o un canale anatomico situato in sede inguinale.

Ernia Roma  - Le CAUSE dell’ernia inguinale:  
In condizioni normali nell'adulto i visceri addominali non fuoriescono attraverso tali porte, ma una serie di fenomeni possono determinare tale evento, ovvero:

• sforzo fisico ( tosse e sforzi per evacuare)

• obesità

• rapido dimagrimento

• debolezza muscolare

Spesso la causa dell'insorgenza di un'ernia inguinale è rappresentato dallo sforzo per evacuare, infatti si presenta maggiormente nelle persone affette da stipsi o stitichezza.

I SINTOMI dell’ernia inguinale:  

I sintomi lamentati dal soggetto consistono generalmente in un gonfiore della zona inguinale che può andare da un modesto cordone, alle enormi ernie che occupano anche tutto lo scroto.

Tale gonfiore generalmente scompare in posizione sdraiata e ricompare in posizione in piedi. A questo si accompagna un senso di peso, bruciore inguinale o testicolare, turbe digestive e a volte alterazioni delle abitudini intestinali.

Spesso il soggetto che ne è portatore per la paura dell'intervento si trascura potendo così andare incontro a complicanze fra cui lo strozzamento erniario cioè lo strangolamento del viscere erniato con conseguente sviluppo di un quadro drammatico di "addome acuto" (caratterizzato da una sintomatologia rapidamente progressiva con blocco intestinale con impossibilità di emissione di feci e gas, dolore acuto ed addome teso ed intrattabile), in grado di mettere seriamente a repentaglio la vita del paziente se non tempestivamente trattato con un intervento chirurgico urgente.

Ernia Roma  - Le tecniche chirurgiche dell’ernia inguinale:  
L'unico trattamento dell'ernia inguinale è chirurgico.

L'intervento si chiama: ERNIOPLASTICA.

Esistono principalmente 2 tecniche per il trattamento dell'ernia inguinale:

- Ernioplastica con rete :

E' la tecnica più utilizzata sia per i suoi brillanti risultati sia per la facilità di esecuzione. Una prerogativa di questo intervento è che può, nella maggioranza dei casi, essere eseguito in ANESTESIA LOCALE (cioè con delle iniezioni di anestetico locale solo sopra l'inguine).

Spesso il paziente ha timore di queste "punture" e l'anestesista lo aiuta con una leggera sedazione che evita al soggetto di vivere l'evento chirurgico come un trauma.

Attraverso una piccola incisione obliqua o orizzontale sopra l'inguine, di 3-5 cm, viene reintrodotto il viscere erniato nella cavità addominale.

La successiva riparazione attualmente è eseguita con una tecnica che contempla il posizionamento di una RETE in materiale non riassorbibile (ad esempio il polipropilene) che induce una reazione cicatriziale tale da creare una barriera che impedisce una ulteriore formazione erniaria.

La rete viene preparata in 2 pezzi: uno avvolto su se stesso a forma di cono che viene infilato nel tragitto dell'ernia, ed uno di forma rettangolare arrotondato su un margine che viene applicato sulla zona e fissata con un punto oppure con della colla.
La chiusura della ferita è eseguita con punti riassorbibili (non ci sono punti visibili sulla pelle) e cerottini impermeabili.

Ernia Roma  - L'intervento generalmente dura 20-40 minuti.

Dopo l'intervento il paziente potrà andare a casa accompagnato, ma necessita di una serie di istruzioni sulle fasi del decorso postoperatorio, la cui comprensione è fondamentale per evitare che l'operato si senta "abbandonato" dal chirurgo.

In tal senso ho redatto un foglio di istruzioni postoperatorie (le chiamo " istruzioni per l'uso") che consegno prima della dimissione che solitamente avviene dopo 1-2 ore all'intervento.

Per approfondimenti www.carlofarina.it