Epidemie nel mondo. Il virus dell'influenza H1N1, noto come "influenza suina", ha ucciso 42 persone in California da ottobre. Gli anziani i più a rischio, ma anche donne incinte e bambini. Per...

Epidemie nel mondo. Il virus dell'influenza H1N1, noto come "influenza suina", ha ucciso 42 persone in California da ottobre.

giovanni d'agata

 

Epidemie nel mondo. Il virus dell'influenza H1N1, noto come "influenza suina", ha ucciso 42 persone in California da ottobre. Gli anziani i più a rischio, ma anche donne incinte e bambini. Per gli esperti: il miglior rimedio, il vaccino

 

 

 

In California, dall'ottobre scorso ad oggi, 42 persone sono decedute a causa di una forma virulenta d'influenza, secondo fonti ufficiali. Come detto, le morti sono iniziate a registrarsi in ottobre che solitamente è il mese che coincide con l'inizio della stagione favorevole alla diffusione della malattia che dura fino a maggio e di solito raggiunge i picchi in febbraio. Le persone anziane sono quelle con le maggiori probabilità di sperimentare complicazioni, come la polmonite. La metà delle persone falciate dall'influenza in California aveva più di 65 anni. In California e in tutto il resto degli USA, il ceppo influenzale che circola attualmente e che si sta diffondendo è la famigerata H1N1, una sorta di Influenza A nota come "influenza suina". A livello nazionale, il 77% dei casi di influenza finora hanno testato positivamente l'H1N1, secondo il CDC, (U.S. Centers for Disease Control and Prevention, in italiano, Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie), l'omologo del nostro Istituto Superiore di Sanità. L'H1N1 tende ad essere più pericoloso per bambini e donne incinte, ha spiegato l'ufficiale medico capo dottor Jeffrey Gunzenhauser, al Los Angeles County. Finora in questa stagione - ha continuato il medico - sono morte di influenza ben 10 persone nella sola Contea di Los Angeles. A livello nazionale, sono già state segnalate due morti di influenza di alto profilo nel corso di questa stagione. Il 24 dicembre, un ragazzo di 8 anni che era detenuto in custodia nel Nuovo Messico dopo essere stato catturato presso il confine con gli Stati Uniti è morto di influenza. Più tardi quella stessa settimana, Bre Payton, uno scrittore di 26 anni per una rivista online federalista, è morto di encefalite causata dall'influenza, secondo il suo datore di lavoro. In generale, tuttavia, i funzionari della sanità americana affermano che la sindrome influenzale stagionale di quest'anno sarà probabilmente più mite di quella precedente, quando il ceppo mortale H3N2 è stato il più prevalente in tutto il paese, quando si erano ammalate così tante persone che gli ospedali traboccavano di pazienti e avevano finito di farmaci. La stagione scorsa ha portato ad uno dei più alti tassi d'influenza mai registrati negli USA, secondo solo a quelli per la pandemia di influenza spagnola del 1918 che uccise migliaia di persone, secondo Gunzenhauser. Anche se l'H1N1 tende ad essere un ceppo meno nocivo, Gunzenhauser incoraggia a vaccinarsi ancora tutti oltre i 6 mesi di età. Il vaccino dura circa due settimane effettive. "Vogliamo incoraggiare chiunque a vaccinarsi," ha detto. "In questo momento siamo in anticipo — stiamo iniziando a vedere risultati positivi." Il vaccino antinfluenzale riduce la possibilità di una donna incinta di prendere l'influenza del 40% e prevede un'immunità per il suo bambino, ha ricordato. Le persone vaccinate che prendono l'influenza, in genere presentano sintomi meno gravi. E le cifre sono impietose: nella stagione scorsa, l'influenza ha ucciso 185 bambini, l'80% dei quali non erano stati vaccinati, secondo i dati del CDC. Ovviamente per chi viaggia negli USA non si corre un rischio maggiore di coloro che risiedono in Italia e non si spostano, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”. Tuttavia, il consiglio per coloro che sono più deboli e gli immunodepressi di vaccinarsi prima di partire appare il miglior viatico per ridurre drasticamente la possibilità di patire le complicazioni connesse a questi ceppi influenzali particolarmente virulenti.