Grazie alla collaborazione di Luigi e Lauro, due motociclisti d’eccezione, vi consiglieremo alcuni degli itinerari più suggestivi per le strade dell’Umbria per gli amanti delle due ruote.
Campello sul Clitunno

Ascolto consigliato per la lettura di questo articolo: “Born to Be Wild” by Steppenwolf

Con questo articolo inauguriamo una nuova sezione del blog dedicata agli itinerari per le moto. Grazie alla collaborazione di Luigi e Lauro, due motociclisti d’eccezione, vi consiglieremo alcuni degli itinerari più suggestivi per le strade dell’Umbria per gli amanti delle due ruote.

“Si tratta di un breve itinerario di 86 Km percorribile in 1 h e 40 min. con difficoltà media.

Si parte da Ponte San Giovanni (a soli 6 Km da Perugia), entriamo in SS3bis e prendiamo l’uscita Foligno direzione Assisi/Spoleto. Entriamo in SS75 e prendiamo l’uscita verso Spoleto/Roma /Firenze. Una volta entrati in SS3, prendiamo l’uscita Campello sul Clitunno. Alla rotonda, prendiamo la 3a uscita, imbocchiamo la SP457 ed attraversiamo la cittadina.

Per chi volesse fare già una breve sosta, imperdibile è il Parco del Clitunno, un vero gioiello naturalistico fonte d’ispirazione per tanti artisti tra i quali Carducci e Byron pochi minuti dalla città. Ci mettiamo in marcia in direzione Pettino… e qui possiamo cominciare a divertirci con un po’ di pieghe :-) . La vista panoramica che incontriamo lungo il percorso è davvero suggestiva e merita una breve sosta fotografie.

Lasciamo alle spalle Lenano, una piccola frazione del comune di Campello sul Clitunno a 533.m.s.l.m e continuiamo il nostro itinerario, ma qualcosa in lontananza cattura la nostra attenzione.

Campello Alto sul Clitunno

E’ Campello Alto, un piccolo insediamento medievale fortificato che conserva ancora intatte le mura, il castello, il borgo ed è abitato da una trentina di abitanti. Incontriamo solo qualche gatto e cane a darci il benvenuto. Il borgo non è accessibile alle auto e moto, eccetto per i residenti. Lasciate le moto all’esterno, entriamo nel borgo che, in questo periodo, è in fase di ristrutturazione. Pace e tranquillità regnano in questo luogo. Di particolare interesse è la chiesa romanica di San Donato, dove, a seguito di recenti restauri, sono emersi degli affreschi votivi riferibili al XV secolo. Riprendiamo il percorso in direzione Pettino, gruppo di case sparse a forma di corona, ma non ci fermiamo e continuiamo in direzione Valle di Cammoro.

Cammoro di Sellano, a 358 m.s.l.m. , un paesino sospeso tra passato e futuro, che a seguito del terremoto del ’96, ha rischiato l’ abbandono, ma con grande l’impegno da parte dei suoi abitanti è stato quasi interamente recuperato.
Raggiungiamo il castello e con sorpresa ci ritroviamo partecipi di una caratteristica manifestazione con rievocazione di antichi mestieri, mostra mercato dell’artigianato e dei prodotti tipici con degustazioni. Ci sono signore che mostrano come viene fatto il formaggio, e una televisione locale le riprende. Decidiamo così di pranzare qui: un buonissimo panino con salsicce, gustose frittelle di patate… il tutto accompagnato da un eccellente vino locale. Da qui la vista spazia dal Monte Bove al Monte Vettore. Prima di riprendere la strada di casa, facciamo un giro per le vie del borgo. Curiosa è la tipica casa contadina come quelle di una volta aperta al pubblico.

Decidiamo quindi di ritornare… programmando già il prossimo itinerario.”

Continua a seguire gli itinerari dei nostri collaboratori centauri nel prossimo articolo. Con l’inizio della bella stagione preparatevi a numerosi itinerari alla scoperta del cuore verde d’Italia su due ruote! Se invece vuoi suggerirne qualcuno tu, scrivici a prenotazioni@agriturismiumbria.net

Fonte: http://www.agriturismiumbriablog.it/2012/04/easy-rider-alla-scoperta-dellumbria-su-due-ruote-1/