Negli anni ’50, in piena Guerra Fredda, gli Stati Uniti usarono anche un mago per formare le spie. L’unica copia del manuale rimasta è tornata alla luce recentemente e da qualche mese è in vendita...

E' tornato alla luce il famoso manuale di trucchi ed inganni della Cia

postato da Benedetto il 13/02/2010
Categoria: Attualità - tags: cia + el alamein + guerra fredda + inganni + magia + manuale + stati uniti + trucchi
manuale cia

Negli anni ’50, in piena Guerra Fredda, gli Stati Uniti usarono anche un mago per formare le spie. L’unica copia del manuale rimasta è tornata alla luce recentemente e da qualche mese è in vendita anche su Internet.
Gli agenti della Cia negli anni '50, in piena Guerra Fredda usavano trucchi da prestigiatore per ingannare il nemico. E' quello  che emerge da un nuovo ritrovamento fatto di un libro dal sintomatico titolo The Official Cia Manual of Trickery and Deception (il manuale di trucchi e inganni della Cia). Nel manuale ad uso degli 007 statunitensi, scritto da John Mulholland, prestigiatore e illusionista, si trovano modi segreti per mandare segnali ai colleghi (per esempio legandosi le stringhe in un certo modo) e per ingannare il nemico anche sul proprio stato d'animo.  Per esempio assumere un aria ebete per fingere disinteresse in quello che sta dicendo l'interlocutore.
Non solo trucchi. Ma non finisce qui, il manuale, faceva parte di un progetto molto più ampio chiamato MK-Ultra (anni '50-'60), nel quale oltre ai giochetti da mago vennero sperimentate anche sistemi di controllo molto più seri sui nemici. Il progetto, che prevedeva l'uso di droghe e dell'ipnosi per far parlare i prigionieri, fu sospeso nel 1973, in seguito alle numerose cause legali che seguirono agli esperimenti fatti negli Usa.
In quell'anno anche il libro avrebbe dovuto essere distrutto, ma in realtà non tutte le copie

Tecnologie da spie

Come si vede nei film le spie durante la Guerra Fredda avevano in dotazione anche strumenti che allora potevano essere considerati futuribili.

- Pistole-penna che sparavano proiettili da 22mm
- Ombrelli spada
- Binocoli più piccoli di un pacchetto di sigarette,
- Orologi con microfono per registrare conversazioni 
- mini-videocamere e micro-macchine fotografiche (un modello si camuffava dietro al bottone del soprabito).

andarono perse e oggi una è tornata alla luce grazie al lavoro dello storico Keith Melton e di Bob Wallace, ex direttore dell'ufficio tecnico della Cia. Il documento, ormai desecretato, è stato ripubblicato ed è in vendita da novembre anche su Amazon.
Illusionista per la patria. L'utilizzo dei trucchetti non fu solo un affare della Cia però, ne fecero uso anche i sovietici nello stesso periodo e molto prima i britannici. Durante labattaglia di El Alamein(1942), pare che per ingannare il generale tedesco Rommel sulla nuova offensiva britannica, venne richiesto l'aiuto dell'illusionista Jasper Maskelyne. Su consiglio del prestigiatore, alcuni finti carri armati (circa 2000) furono posizionati in un'altra parte del fronte, mentre i veri carri armati furono "travestiti" da innocui camion