ARTE: E’ MORTO, IERI 16 GENNAIO 2018, LO SCULTORE E PITTORE GIAMPAOLO TALANI. TANTE LE OPERE PUBBLICHE, RINNOVÒ LA TECNICA DELL’AFFRESCO. AUTORE DI “PARTENZE” AFFRESCO ALLA STAZIONE DI SANTA...

E' MORTO GIAMPAOLO TALANI, PITTORE E SCULTORE

postato da anna scorsone il 17/01/2018
Categoria: Cultura e Società - tags: cultura
Giampaolo Talani, Scultore e pittore

ARTE:

E’ MORTO, IERI 16 GENNAIO 2018, LO SCULTORE E PITTORE GIAMPAOLO TALANI. TANTE LE OPERE PUBBLICHE, RINNOVÒ LA TECNICA DELL’AFFRESCO. AUTORE DI “PARTENZE” AFFRESCO ALLA STAZIONE DI SANTA MARIA NOVELLE, E DELLA STATUA FEMMINILE “FIORENZA” DA LUI DONATA PER IL QUARTIERE SAN PAOLO JACOPINO… LO VOGLIO RICORDARE CON UN ARTICOLO DI CLAUDIO ALESSANDRI IN OCCASIONE DI UNA MOSTRA TENUTA ALLA GALLERIA LUPO’ART DEL 2008.

“GIAMPAOLO TALANI : I NOSTRI SOGNI DENTRO UNA VALIGIA. Cosa può contenere una valigia, sia essa di umile cartone che di finissimo cuoio “griffato”? E’ una considerazione che ci coglie ovunque vi siano viaggiatori, in treno, in aereo o in nave. La risposta non può essere contenuta in sproloqui di sterile e pseudo filosofia, ma nel fantasticare del nostro essere si, ed allora giungiamo ad una conclusione, forse esatta, forse erronea, che in ogni caso pungola la nostra curiosità. Ed allora immaginiamo che contengano tutto l’infinito o piccolissimo mondo di una vita o di attimi fuggevoli di una esistenza anonima, una realtà che si nasconde in un angusto e buio spazio, speranze, umili realtà, tanto dolore e disillusioni e tanto altro ancora. Forse il segreto può essere umanamente svelato osservando l’essere impettito che sosta accanto alla sua valigia, o la regge con sicura noncuranza per il manico, un emigrante? Un viaggiatore di commercio o per svago? Poi ci sovviene di osservare gli occhi perché, gli occhi di quegli uomini rivelano ciò che alberga nelle loro anime, non con scontata evidenza occultata da neri baratri, forse… immaginiamo… pazienti di abituale attesa, tristezza per dovere abbandonare la moglie ed i figli recandosi in Paesi stranieri a cercare il lavoro che la sua Terra non gli concede, sereno interiore di chi torna ai propri affetti, da troppo tempo lontani. I viaggiatori di Giampaolo Talani sono al centro della sua ispirazione e… adesso focalizzano il nostro interesse, capelli carpiti dal vento, cravatte che rifiutano la loro elegante postura per fuggire, lampi colorati, nel vento di un’anonima stazione di un altrettanto anonima Città. E poi, … il mare, spiagge tranquille dove si elevano castelli fragili che torneranno semplice sabbia al primo urto, involontario del vento, invidioso di un bimbo dispettoso, a vanificare la scarlatta bandiera che garrisce in cima, gloriosa, al vento, simbolo di vittoria, di resurrezione. .Il mare, le spiagge con le lische di pesci gettate dal caso, ispirate dal sommovimento delle onde “ alle volte anche, ancora vivi nelle mani nelle tasche di allucinati personaggi, provocazione o semplice ironia?” Tutte le opere di Talani si impongono per espressività, alle volte sorretta da rossi violenti, a volte da azzurri riposanti, è un contributo cromatico al pensiero. Talani dispensa con la sue realizzazioni vita, non turbinosa, ma certamente serena come un messaggio che giunge dall’ignoto e che all’ignoto affida il proprio futuro in un esaltante vibrare di ottimistica melodia, e non dissonanti note di una fine intrisa di deludente lucore crepuscolare. Claudio Alessandri"