Ha raccontato a una tv di aver visto Yara Gambirasio parlare con due adulti in strada la sera della scomparsa. I carabinieri, che lo hanno interrogato, ritengono che il ragazzo si sia inventato...

«Due uomini parlavano con Yara» Ma la testimonianza era inventata

postato da foresto il 29/11/2010
Categoria: Attualità - tags: con yara + due uomini + era inventata + la testimonianza + parlavano
«Due uomini parlavano con Yara» Ma la testimonianza era inventata

Ha raccontato a una tv di aver visto Yara Gambirasio parlare con due adulti in strada la sera della scomparsa. I carabinieri, che lo hanno interrogato, ritengono che il ragazzo si sia inventato tutto e stanno valutando se procedere con una denuncia.

Sono state tante le segnalazioni giunte alla caserma dei carabinieri da parte della gente. I cittadini di Brembate Sopra sono tutti scossi per la vicenda di Yara e in molti si sono presentati dagli inquirenti fornendo possibili elementi utili alle indagini.

Secondo indiscrezioni, una ragazza avrebbe raccontato agli inquirenti di essersi trovata nella zona di via Locatelli (la strada del centro sportivo) verso le 18,45 di venerdì sera e di aver visto passare un furgoncino bianco a forte velocità.

I carabinieri hanno indagato anche sul caso di un individuo sospetto segnalato qualche giorno prima della scomparsa di Yara dalle parti del centro sportivo. L'uomo era stato sorpreso all'interno della struttura a scattare fotografie senza essere autorizzato e sul posto era intervenuta la polizia locale dell'Isola.

I carabinieri lo hanno rintracciato: ha un alibi e ha spiegato di aver scattato foto perché deve aprire un centro sportivo e voleva prendere a modello quello di Brembate.

Un bambino, accompagnato dai genitori, avrebbe raccontato ai militari di aver sentito delle grida venerdì pomeriggio. Finora, però, nessun elemento si è rivelato utile.

La sparizione di Yara ha lasciato in tutti un segno profondo. «C'è attesa e speranza» - ci ha detto domenica sera il sindaco Diego Locatelli. Le ricerche sono riprese intorno alle 7,30. Prima - ha spiegato il primo cittadino - il punto della situazione, e per decidere le priorità, fissando un programma per stabilire quali e quanti mezzi sono necessari.

«Se le condizioni meteo saranno favorevoli - spiegava Locatelli domenica - potrebbero scendere in campo i sommozzatori per scandagliare il fiume. Le unità cinofile potrebbero invece essere meno utili, visto che col passare del tempo le tracce si affievoliscono: ma il loro intervento non è escluso».

In campo una trentina di persone: al fianco dei carabinieri, che coordinano le indagini e gli interventi, ci saranno i vigili del fuoco e i volontari, oltre alla polizia locale.

Poi l'attenzione si dovrebbe concentrare sulle zone abbandonate, dove Yara potrebbe essere stata portata. La pista privilegiata resta quella di qualcuno che l'avrebbe presa lungo il tragitto dalla palestra verso casa. Ma nessuna ipotesi è stata esclusa.