Un’altra esca. Un altro escamotage. Per abboccare all’amo di Marco Chiurato, per catturare attimi di vita e cacciare chi a sua volta caccia. Un invito più che un “divieto di caccia” quello di...
postato da marchiu1 il 24/09/2010
Categoria: Cultura e Società - tags: divieto di caccia + marco chiurato
divieto di caccia

Un’altra esca. Un altro escamotage. Per abboccare all’amo di Marco Chiurato, per catturare attimi di vita e cacciare chi a sua volta caccia.
Un invito più che un “divieto di caccia” quello di Chiurato che usa l’ombra come tranello a forma di volatile. Un invito a seguire la strada sbagliata e adescare chi solitamente le esche le usa per diletto, e per delitto.
Anche in questo caso Chiurato usa la fantasia (da phantázein 'far vedere') per far vedere appunto, fantasmi fatti di ombra per mettere in luce chi non ha il rispetto per la vita.
E Chiurato spesso si trova ad usare delle esche artificiali o meglio delle esche artistiche per comunicare la propria devozione alla vita. Senza ombra di dubbio.

Andrea Maragno (JVLT)

Fonte: http://marcochiurato.blogspot.com/2010/08/divieto-di-caccia.html