Vuoi diventare massaggiatore professionista? Scopri quali sono i 3 passi da compiere per diventare un guru del benessere.

Diventare massaggiatore professionista in 3 passi

postato da Quentin il 22/01/2018
Categoria: Salute e Benessere - tags: corso di massaggi + massaggi + massaggiatore

Il “mercato” dei massaggi sembra non conoscere crisi. Sono tanti, infatti, gli aspiranti massaggiatori professionisti che desiderano lavorare a suon di corsi e aggiornamenti, in questo settore così affermato. Diventare un massaggiatore esperto, però, non è così semplice. È necessario un accurato studio, grande competenza e soprattutto tanta passione e forza di volontà. Ma quali sono, nella pratica, i primi passi da compiere per fare del mondo dei massaggi il proprio mestiere? Lo scopriremo in questa guida.

1. Frequentare un corso di massaggi idoneo

Frequentare un corso di massaggio è fondamentale, in quanto permette di apprendere tutte le tecniche base necessarie per poter diventare un massaggiatore professionista. Dopo aver fatto ciò, bisogna anche definire la tipologia di massaggio che si vuole apprendere. La scelta è davvero molto ampia: ci sono i massaggi sportivi, veri e propri trattamenti necessari prima e dopo una gara agonistica di un atleta; il massaggio Thai, che ha lo scopo di risolvere dolori e infiammazioni muscolari di un paziente; o quello anticellulite che mira ad eliminare la fastidiosa buccia d’arancia che affligge il corpo di molte donne. Questi sono solo alcuni dei corsi a cui si può partecipare: basta scegliere quello più adatto a voi e nella vostra zona. Le scuole di massaggi sono distribuite in tutta Italia: potete scegliere un corso di massaggio a Bari o Milano o Palermo. Basta solo fare le dovute ricerche e decidere.

2. Imparare le tecniche e… l’energia

Chi vuole diventare un massaggiatore professionista dovrà essere predisposto a lavorare attraverso delle specifiche tecniche che mirano a migliorare l’apparato circolatorio e le fibre muscolari. Ma i massaggi non si occupano solo del lato esteriore del paziente: si lavora anche sull’interiorità e sulle sensazioni del soggetto. Un buon massaggiatore deve trasmettere energia positivaal proprio paziente attraverso degli specifici ed efficaci trattamenti. Lo scopo di ogni massaggio è sempre lo stesso: il raggiungimento di un benessere psico- fisico che sfocia in un equilibrio tra mente e corpo.

3. Attenzione alla normativa italiana

Chi vuole aprire un centro massaggi deve possedere un diploma da fisioterapista o estetista. Chi, invece, vuole essere un semplice operatore ha un inquadramento legislativo relegato alla sola attività di massaggiatore. Ciò significa che non è necessario essere possessori di specifiche abilitazioni. Sono nel momento in cui si vuole praticare massaggi olistici o sportivi è necessario possedere diplomi o abilitazioni presso scuole qualificate.