Oggi come oggi, non si fa altro che parlare di Diritti Umani, specie in merito al Diritto d’asilo il N 14. Ma i diritti umani sono 30 e uno di questi cita: “Un mondo libero ed uguale”. Questo...

Diritti umani: farli conoscere è un diritto è una responsabilità.

postato da affaripubblicipadova il 15/07/2019
Categoria: Cultura e Società - tags: scientology

Oggi come oggi, non si fa altro che parlare di Diritti Umani, specie in merito al Diritto d’asilo il N 14. Ma i diritti umani sono 30 e uno di questi cita: “Un mondo libero ed uguale”. Questo significa un mondo di pace.

Ma chi conosce esattamente i 30 Diritti Umani? Si potrebbe dire che esistono coloro che li studiano e li applicano alla materia del Diritto, Politica e Relazioni Internazionali, solo per citarne alcune. Qualche migliaio di persone al mondo, una manciata, anche se di estremo valore, rispetto ai milioni di uomini, donne e bambini ai quali questi diritti si applicano in ogni angolo del mondo.

Quindi che dire del resto della società? Come fa a proteggersi dalle violazioni e ad attuarli per se e per gli altri? “I diritti umani devono essere resi una realtà, - come sostenne il filosofo umanitario L. Ron Hubbard, non rimanere - un sogno idealistico”. Per raggiungere milioni di persone in tutto il mondo è nato il movimento Uniti per i diritti umani, di cui i volontari di Scientology sono grandi sostenitori.

Per far sì che venga conosciuta ampiamente la Carta dei Diritti Umani, i volontari insieme ad educatori, altre associazioni e persone di buona volontà, si impegnano costantemente in attività di informazione, conferenze, lezioni ecc… il tutto con lo scopo di renderli reali veramente a tutti. Per questo anche sabato 13 luglio i volontari di Uniti per i diritti umani di Macerata saranno a Civitanova Marche per un’attività di sensibilizzazione rivolta al vasto pubblico.

Ed ecco uno dei diritti che spingono i volontari a farli conoscere: diritto N 29 RESPONSABILITÀ

 

1. Ogni individuo ha dei doveri verso la comunità, poiché soltanto in essa è possibile il libero e pieno sviluppo della sua personalità.

2. Nell’esercizio dei suoi diritti e delle sue libertà, ognuno deve essere sottoposto soltanto a quelle limitazioni che sono stabilite dalla legge per assicurare il riconoscimento e il rispetto dei diritti e delle libertà degli altri e per soddisfare le giuste esigenze della morale, dell’ordine pubblico e del benessere generale in una società democratica.

3. Questi diritti e queste libertà non possono in nessun caso essere esercitati in contrasto con i fini e i principi delle Nazioni Unite.

Scopri i diritti umani, visita il sito: www.unitiperidirittiumani.it