Le opere di alcuni artisti saranno in mostra alla Galleria nazionale dell'Umbria dal 25 settembre prossimo al 9 gennaio 2011, nell'ambito della mostra 'Teatro del sogno: da Chagall a Fellini'.A...
postato da bebeagri il 19/09/2010
Categoria: Eventi - tags: chagall + fellini + galleria + mostra + nazionale + perugia + settembre + sogno

Dialogare con il sogno": i surrealisti da Chagall a Fellini a Perugia

La mostra, alla Galleria nazionale dell'Umbria,a Perugia aprirà i battenti il 25 Settembre e durerà fino al 9 Gennaio 2011


Marc Chagall (1887-1985)nasce a Liosno, presso Vitebsk nel 1887.Dal 1906 al 1909 studia prima a Vitebsk, quindi all'accademia di Pietroburgo, dove è allievo anche di Léon Bakst.Nel 1910 si trasferisce a Parigi. Qui conosce le nuove correnti del momento, particolarmente il Fauvismo e il Cubismo. Si inserisce negli ambienti artistici d'avanguardia. Frequenta tra gli altri Guillaume Apollinaire e Robert Delaunay. Nel 1912 espone sia al Salon des Indépendants, che al Salon d'Automne. Delaunay lo fa conoscere al mercante berlinese Herwarth Walden, che nel 1914 gli allestisce una personale presso la sua galleria Der Sturm.Il sopraggiungere della guerra nel 1914 fa rientrare Marc Chagall a Vitebsk. Qui fonda l'Istituto d'Arte, di cui è direttore fino al 1920, quando gli subentra Malevich. Si trasferisce a Mosca. Inizia a realizzare le decorazioni per il teatro ebraico statale "Kamerny".Nel 1923 ritorna a Berlino e successivamente a Parigi. Qui ristabilisce i contatti e conosce Ambroise Vollard, che gli commissiona l'illustrazione di vari libri. Nel 1924 ha luogo una importante retrospettiva di Chagall presso la Galerie Barbazanges-Hodeberg. In seguito, effettua viaggi in Europa e anche in Palestina.Nel 1933 presso il Kunstmuseum Basel ha luogo una grande retrospettiva. Ma quasi contemporaneamente avviene l'ascesa del nazismo al potere in Germania. Tutte le opere di Chagall vengono confiscate ai musei tedeschi. Alcune figurano nell'asta tenuta alla Galerie Fischer di Lucerna nel 1939. A Chagall non rimane che rifugiarsi in America.Nel 1947 fa ritorno a Parigi, e nel 1949 si stabilisce a Vence. Importanti mostre gli vengono dedicate dappertutto. Inizia la lunga serie di decorazioni di grandi strutture pubbliche. Nel 1962 disegna le vetrate per la sinagoga dello Hassadah Medical Center, presso Gerusalemme, e per la cattedrale di Metz. Nel 1964 realizza le pitture del soffitto dell'Opéra di Parigi. L'anno dopo è la volta delle grandi pitture murali sulla facciata della Metropolitan Opera House di New York. Nel 1970 disegna le vetrate del coro e del rosone del Fraumünster di Zurigo. Di poco successivo è il grande mosaico a Chicago.Muore a Saint-Paul-de-Vence nel 1985.

Nelle opere dell'artista ritorna spesso il periodo dell'infanzia, felice nonostante la condizione di vita.

Chagall nei suoi lavori si ispirava alla vita popolare della Bielorussia e ritrasse numerosi episodi biblici che rispecchiano la sua cultura giudaica. Negli anni sessanta e settanta, si occupò di progetti su larga scala che coinvolgevano aree pubbliche e importanti edifici religiosi e civili.

Le opere di Chagall si inseriscono in diverse categorie dell'arte contemporanea: prese parte ai movimenti parigini che precedettero la prima guerra mondiale e venne coinvolto nelle avanguardie. Tuttavia, rimase sempre ai margini di questi movimenti, compresi il cubismo e il fauvismo. Fu molto vicino alla Scuola di Parigi e ai suoi esponenti, come Amedeo Modigliani.

I suoi dipinti sono ricchi di riferimenti alla sua infanzia, anche se spesso preferì tralasciare i periodi più difficili. Riuscì a comunicare felicità e ottimismo tramite la scelta di colori vivaci e brillanti. Il mondo di Chagall era colorato, come se fosse visto attraverso una vetrata di una chiesa.

Perugia, 8 settembre 2010 - Il sogno è il tema che ha invaso l'immaginario estetico degli artisti scelti da Luca Beatrice per costruire il percorso espositivo di una mostra che intreccia il Simbolismo di inizio novecento con l'arte contemporanea, i diversi 'surrealismi' con alcune delle più suggestive espressioni del cinema.

Le opere di questi artisti saranno in mostra alla Galleria nazionale dell'Umbria dal 25 settembre prossimo al 9 gennaio 2011, nell'ambito della mostra 'Teatro del sogno: da Chagall a Fellini'. Artisti tra i più rappresentativi esponenti del movimento surrealista, insieme a quelli che nel cuore del novecento si sono misurati con il mondo dell'inconscio (Marc Chagall innanzitutto e poi Salvador Dalì, Giorgio de Chirico, Paul Delvaux, Max Ernst, Renè Magritte, Andrè Masson, Joan Mirò, Man Ray, Alberto Savinio, Yves Tanguy, Fernando Botero).

"Dialogheranno - si legge in una nota degli organizzatori - con le prime esperienze visionarie legate al sogno, presenti in mostra con opere di Umberto Boccioni, Arnold Bocklin, Paul Klee, Max Klinger, Plinio Nomellini, Gaetano Previati». Il panorama contemporaneo farà da compendio al tema con le esperienze pittoriche della Transavanguardia italiana e internazionale (Sandro Chia, Mimmo Paladino, Julian Schnabel, David Salle) e le suggestioni proposte da video, installazioni e sculture di artist-star del nuovo millennio (Jan Fabre, Damien Hirst, Tony Oursler, Pinot Gallizio).

Particolarmente rappresentativa è la presenza di Chagall, di cui sono esposte 6 opere di grande impatto e qualità pittorica, interpretando così, insieme a Fellini, uno dei ruoli principali nel 'Teatro del Sogno' che Luca Beatrice metterà in scena a Perugia. Una parte fondamentale dell'esposizione sarà dedicata al cinema: il surrealismo di Luis Buòuel, l'assurdo di Samuel Beckett, 'Sleep' di Andy Warhol e la sua controparte
odierna di Sam Taylor Wood, 'Spellbound' (Io ti salverò) del 1954 di Alfred Hitchcock, con un importante omaggio a Federico Fellini, di cui, oltre ai film 'I clown' e 'La città delle donne, verranno proposti manifesti e disegni originali del suo famoso 'Libro dei sogni'.

La mostra è promossa dal Comune di Perugia in collaborazione con il ministero per i beni e le attività culturali, la Regione Umbria, la Provincia di Perugia e la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. L'organizzazione è affidata a Civita e la realizzazione del catalogo all'editore Giunti.

Trascorri un week end a Perugia tra arte e cultura:

Agriturismo Idromassaggio in Camera, Torricella PG

Bassa Stagione: Novembre, Dicembre, Gennaio, Febbraio, Marzo
Bed & Breakfast 70 euro a persona 2 notti
mezza pensione 110 euro a persona per 2 notti

Media Stagione: Aprile, Maggio, Giugno, Ottobre
Bed & Breakfast 80 euro a persona 2 notti
mezza pensione 120 euro a persona per 2 notti

Alta Stagione: Luglio, Settembre
Bed & Breakfast 90 euro a persona 2 notti
mezza pensione 130 euro a persona per 2 notti

oppure

Hotel Zen Perugia

1 notte in camera matrimoniale con ricca prima colazione a buffet
Uso esclusivo dell’area SPA (vasca idromassaggio jacuzzi + sauna) per la durata di 2 ore con bottiglia di Prosecco di benvenuto accompagnato da cesto di frutta.

60€ a persona

o ancora

Bed and Breakfast Perugia La Casa fra gli Olivi

Weekend relax in economico B&B vicino Todi e Perugia
Villino immerso negli Olivi della campagna di Perugia
(escluso Ponti e Festività)

Prezzo 30 euro a persona a notte in B&B
LASTMINUTE SOLO 27 EURO persona a notte in B&B!

Simpatico Omaggio di Benvenuto
Possibilita di Cena Tradizionale Umbra in Ristorantino tipico

Consulta questo sito e troverai altre proposte interessanti, eventi e manifestazioni per trascorrere piacevoli soggiorni in umbria

www.allwebitaly.com

Fonte: http://www.allwebitaly.it/html/view_chagall.fellini.surrealisti.perugia.html