Depliant e brochure sono due risorse di marketing e comunicazione diverse che offrono vantaggi specifici. Su quale supporto investire?
postato da Quentin 1 settimana, 4 giorni fa
Categoria: Utilità - tags: brochure + comunicazione aziendale + depliant

La comunicazione tradizionale d’impresa fa ampio uso di soluzioni editoriali ormai storicizzate ma che, nel corso del tempo, non hanno mai perso di efficacia e di considerazione da parte del pubblico e delle aziende che investono in pubblicità. Tra le soluzioni più consolidate, occupano un posto di primo brochure e depliant, mezzi di diffusione pensati per una comunicazione più completa e dettagliata rispetto a quella proposta, ad esempio, dalla cartellonistica urbana o dalle locandine.

Depliant e brochure

Sia il depliant e sia la brochure sono supporti editoriali che consentono di configurare una pubblicità in maniera completa e strutturata. Il depliant - o pieghevole - è solitamente elaborato da un foglio di formato A4 piegato in 2 o in 3 ante, da cui si ottengono, rispettivamente, 4 o 6 facciate; è stampato su diverse tipologie di carta ma si tende a prediligere le grammature più leggere, meno dispendiose e più semplici da distribuire. La brochure- o opuscolo - si presenta come uno strumento più dettagliato, rilegato e costituito da almeno 8 o 16 pagine, su un tipo di carta più pesante e, di solito, di miglior qualità.

Quale scegliere

Scegliere la soluzione più adatta significa principalmente avere ben chiare le proprie esigenze comunicative. Il pieghevole è una risorsa più rapida, adatta a una comunicazione più ampia e che si presta bene anche ad attività di volantinaggio e di distribuzione su ampia scala. Offre meno spazio per l’inserimento dei contenuti ed è pensato per una pubblicizzazione ad ampio raggio, capillare e immediata. L’opuscolo, viceversa, richiede un approccio più cerebrale nella strutturazione di contenuti diffusi e, spesso, dettagliati. La brochure non è pensata per una distribuzione a macchia d’olio quanto, piuttosto, da indirizzare a un pubblico più coinvolto e che ha già dimostrato interesse per i prodotti e servizi che l’azienda propone. Un’altra discriminante è quella del prezzo: la stampa depliant richiede un esborso economico inferiore a quella dell’opuscolo perché c’è meno carta, di peggior qualità e non sono previsti costi di rilegatura. Dunque, è meglio l’opuscolo o il pieghevole? La risposta è: dipende… da te.

Fonte: https://cdn.pixabay.com/photo/2014/04/05/11/28/paper-315772_960_720.jpg