Il 3 Ottobre, presso la sala Protomoteca del Campidoglio a Roma, la Dott.ssa Vincenza Palmieri, in veste di presidente dell’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare, prenderà parte al Convegno...
postato da inpefRM il 29/08/2012
Categoria: Italia - tags: apprendimento + capitale + convegno + diagnosi + famiglia + malattia + matematica + pedagogia + roma

Il 3 Ottobre, presso la sala Protomoteca del Campidoglio a Roma, la Dott.ssa Vincenza Palmieri, in veste di presidente dell’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare, prenderà parte al Convegno Nazionale:“In Roma capitale.. i ragazzi sono il nostro futuro”.  L’evento, che vede in campo le migliori Intelligenze del panorama Accademico disponibile, ha lo scopo di voler sostenere la messa in discussione della Legge 170 / 2010 e la sua totale revisione.
La Dott.ssa Palmieri a riguardo pensa che: “E' d'obbligo, proprio in queste ore, mentre ancora contrastiamo la proposta di Riforma Psichiatrica, occuparci del superamento di  una delle Leggi più odiose e repressive dell'ultima Legislazione,  rivolta ai nostri ragazzi e bambini: le Nuove Norme in Materia di Disturbi Specifici dell'Apprendimento: Legge 170 approvata il 10 ottobre del 2010.”
Questa Legge riconosce  e definisce come "malattie" ciò che un tempo erano individuate  e trattate come lacune, difficoltà, o mancanza di esercizio.
La Didattica della Matematica (come si imparano le tabelline, incolonnare i numeri, eseguire una operazione), non può essere delegata ad operatori della Sanità e non può essere scavalcata da una diagnosi o da una "pillola per imparare"; ciò vale per la lettura, la scrittura, l'ortografia, la grafia. Non sono malattie,  ma il 30% degli Studenti italiani (secondo un'indagine nazionale) sono diagnosticati come "affetti da DSA (Disturbi Specifici dell'Apprendimento, cioè Discalculia, Disgrafia, Dislessia e Disortografia)".
Ciò prevede "sistemi compensativi" come calcolatrici, registratori, pc (per leggere, scrivere e far di conto), al posto della manualità e dell'esercizio; prevede altresì "sistemi dispensativi": lo studente viene dispensato dallo studiare  pezzi di programma e viene quindi privato di conoscenza ed abilità. A breve e lungo termine ciò può produrre risultati devastanti.  Il presidente dell’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare da anni si batte contro questi sistemi. “Abbiamo”-dice-“ il dovere ed il diritto di fermare tutto questo! Presso l' Istituto  Nazionale di Pedagogia Familiare giornalmente ci occupiamo di ragazzi a rischio o con  diagnosi di iperattività o DSA. E sempre, una programmazione corretta ed un intervento didattico o pedagogico familiare, hanno rappresentato la soluzione più efficace. Per questa ragione, dopo i risultati prodotti con centinaia di ragazzi, docenti, genitori,  dopo migliaia di ore di formazione, sentiamo l'orgoglio scientifico di affermare con totale determinazione che questa Legge, che sta trasformando il panorama scolastico italiano ed il nostro futuro, ha aperto la strada alla medicalizzazione del sistema educativo, con tutti gli errori ed orrori che questo comporta. E che le soluzioni didattiche rimangono le uniche soluzioni percorribili, quindi anche una grande occasione di crescita professionale!”

La Dott.ssa Vincenza Palmieri è Presidente dell’ Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare. Negli anni ha ricevuto riconoscimenti importanti:
- Premio Internazionale Maison des Artistes
Medaglia D'Oro 2012 per l'Impegno Sociale

 - Membership ISPCAN Congress 2012 – 2014
 International Society for Prevention of Child Abuse and Neglect

<a href="http:www.pedagogiafamiliare.it"></a>               

Roma  3 Ottobre 2012, ore 16.30 presso la Sala Protomoteca del Campidoglio

Fonte: http://www.pedagogiafamiliare.it/file/seminario_gratuito.html