Riporto, per concessione dell'autore, una parte del blog dedicato al libro "L'Attimo e l'Essenza" di Guido Mazzolini. È raro che un poeta spieghi l'origine di un suo testo, dettagliandone i...
postato da neo1967 il 08/07/2011
Categoria: Letteratura - tags: attimo + essenza + guido + mazzolini
la copertinadel libro

Riporto, per concessione dell'autore, una parte del blog dedicato al libro "L'Attimo e l'Essenza" di Guido Mazzolini. È raro che un poeta spieghi l'origine di un suo testo, dettagliandone i particolari. Un modo in più per accedere al mondo di questo scrittore cremonese.

Notturno settimo

Disegno ghirlande di fiato
domani mi porterò via
da lontananze incerte
abbarbicate alla memoria
come nuvole impalpabili nel cielo.
Gli attimi, corone nel silenzio,
ancora rivelano segreti.
Luminosi risvegli.


(L'Attimo e l'Essenza - Arduino Sacco Editore)


È l'ultimo dei sette canti. In una notte invernale il respiro si condensa in nuvole lievi che svaniscono rapide nel nulla. Forte è il bisogno di "portarsi via", di avere braccia così forti e abili da potersi sostenere e svanire verso dimensioni nuove, portarsi via da pensieri lontani e incerti, da una mente che viaggia inconsapevole e senza controllo, anch'essa impalpabile come le nuvole in cielo.
Mi piace il contrasto tra "ghirlande di fiato" e "nuvole impalpabili", entrambe fatte di niente ma collegate tra loro; vicine, le prime, a me stesso, le seconde al ricordo.
Tutto ciò per accorgersi quanto il silenzio, coronato dal presente, dall'attimo che vivo, possa diventare un segreto svelato e un risveglio di luce.

Fonte: http://www.lattimoelessenza.blogspot.com