Per quanto concerne i prodotti in metallo in Italia la fabbricazione è aumentata del 5.7%, in particolar modo per quel che riguarda la fabbricazione di guide di scorrimento. L’insieme di aziende...

Crescita lenta nella produzione industriale

Per quanto concerne i prodotti in metallo in Italia la fabbricazione è aumentata del 5.7%, in particolar modo per quel che riguarda la fabbricazione di guide di scorrimento. L’insieme di aziende ed imprese impegnate nella produzioni di varie tipologie di strumenti di lavoro in metallo, così come finestre, porte e posateria, hanno mantenuto indicativamente i medesimi livelli dell’anno 2010. Nel reparto industriale che si occupa del trattamento del rivestimento di metalli è stata calcolata un diminuzione dell’1.4%. Il traguardo del 20.8% è stato invece raggiunto alla produzione di serbatoi, cisterne e caldaie, mentre l’attività di imbutitura, fucinatura e lo stampaggio indicano una variazione del 40%. Una diminuzione del consumo di metallo è stato registrato anche dall’industria dell’hi-tech che comprende pc, tlc, medicali, televisori oltre a strumenti ottici di precisione. Il calo si aggira intorno ai 10.5 di percentuale. Medesima situazione si registra per la realizzazione di apparecchi per le telecomunicazioni, che registrano un 24.9% di calo, e di unità periferiche e computer, a meno 18.5%. Una stasi è invece presente per la falange produttiva che si occupa di strumenti di precisione e strumenti elettronici, fissi al 1.3%. Per quanto riguarda apparecchi e macchine elettriche la produzione ha rivelato un calo dell’1.9% in media. Di spinta contraria il settore macchine/apparecchi meccanici che, rendendo grazie all’insieme di attività che sono comprese nel comparto, hanno potuto aggiornare la produzione ad una crescita del 13.4%. Per maggiori informazioni: guide per macchine utensili