Le tornerie di precisione lavorano diversi tipi di materiali per produrre oggetti finiti e, per farlo, utilizzano vari procedimenti tra cui, la fresatura e la tornitura.
postato da elsadeva il 26/02/2018
Categoria: Tecnologia - tags: maccninari cnc + torneria + tornio + tornitore + tornitura
Le tornerie di precisione lavorano diversi tipi di materiali per produrre oggetti finiti e, per farlo, utilizzano vari procedimenti tra cui, la fresatura e la tornitura

Le tornerie di precisione lavorano diversi tipi di materiali per produrre oggetti finiti e, per farlo, utilizzano vari procedimenti tra cui, la fresatura e la tornitura. Quest’ultima, grazie a un utensile a punta singola che nella maggior parte dei casi è fisso, permette di creare forme cilindriche e arrotondate da un pezzo grezzo che viene fatto ruotare.

Operazioni di tornitura


Sono due i movimenti che permettono di effettuare le operazioni di tornitura: la rotazione del pezzo e l’avanzamento dell’utensile, che può essere eseguito lungo l’asse, avanzare all’estremità oppure verso il centro del pezzo. Un occhio di riguardo va dato alle lavorazioni di alluminio e acciaio dolce perché, in questi casi, si può formare un truciolo continuo che può causare danni al tagliente e possibili pericoli anche per il tornitore.

Terminologia di riferimento

Ci sono alcuni termini che, chi si occupa di tornitura deve assolutamente conoscere.
Eccoli riassunti in uno schema:

n = velocità di rotazione mandrino (giri/min)
vc = velocità di taglio (m/min)
fn = avanzamento di taglio (mm/giro)
ap = profondità di taglio (mm)
κr = angolo di registrazione

Entriamo nel dettaglio:

·         Velocità di rotazione mandrino
Nel tornio, il pezzo ruota con una determinata velocità mandrino (n) e un certo numero di giri al minuto (giri/min).

·         Velocità superficiale di taglio
Velocità di taglio (vc) in m/min. La periferia del diametro del pezzo passa in correlazione al tagliente.

·         Avanzamento
L’avanzamento di taglio (fn) in mm/giro è il movimento dell’utensile in rapporto al pezzo che gira.
Questo valore regola lo spessore dei trucioli e assicura che la loro formazione sia fedele alla geometria dell’utensile.

·         Profondità di taglio
La profondità di taglio (ap), in mm, corrisponde alla metà della differenza tra il diametro non lavorato ed il diametro lavorato del pezzo.

·         Angolo di registrazione
Per angolo di registrazione (κr) si intende l’angolo di avvicinamento del tagliente al pezzo che è fondamentale per la scelta dell’utensile di tornitura.

Torneria e pianificazione della produzione

Per pianificare e ottimizzare correttamente i vari processi di tornitura è necessario seguire alcuni fondamentali passaggi:

1.       esaminare la tipologia dell’operazione che si andrà a svolgere;

2.       analizzare le caratteristiche del materiale da lavorare;

3.       definire la quantità dei pezzi da realizzare;

4.       studiare i parametri del tornio che verrà utilizzato;

5.       scegliere l’utensile più adatto all’operazione di tornitura;

6.       conoscere i dati di taglio e il tipo di percorso utensile.

L’avanzamento dell’utensile influisce notevolmente sul processo di lavorazione di tornitura, in particolare sul controllo del truciolo, sull’usura dell’inserto e sulla durata e qualità del tagliente. Per questo, se si vuole ottimizzare davvero il processo, quest’ultima informazione non va mai trascurata.

Tornitura e competenze informatiche

Oltre a quanto già indicato, oggi il tornitore esperto deve anche possedere buone competenze informatiche e tecnologiche per poter utilizzare e governare i moderni macchinari cnc, indispensabili per garantire la produzione ad alti volumi e in tempi celeri di minuterie metalliche di precisione.

Fonte: http://www.gimaspa.com/servizio-torneria/