Impara a gestire il tuo denaro affinché possa lavorare per il tuo futuro. La libertà finanziaria si ottiene con l'apprendimento della gestione dei soldi.
postato da mrcashflow il 14/08/2012
Categoria: Economia - tags: gestione del denaro + liberta finanziaria + redditi passivi
Il viaggio verso la libertà finanziaria.

La libertà finanziaria permette di non far dileguare i soldi del tutto.

Per il benessere finanziario, non conta quanto denaro si guadagna, ma quanto se ne mantiene.

La “sagacia finanziaria” è quanto si è capaci di fare con i soldi dopo averli guadagnati, per impedire che gli altri li portino via, per tenerli più a lungo possibili e farli fruttare nel modo più redditizio.

I tre segreti per ottenere la tua libertà finanziaria sono:

1) la capacità di guadagnare un reddito superiore a quello che hai mai avuto, la capacità di creare ricchezza.

La ricchezza si crea portando del valore aggiunto, dando quel qualcosa che manca alla gente, apportando un servizio dal quale possano trarre beneficio il numero maggiore di persone.

In questo modo si crea un servizio necessario al quale le persone non potranno farne a meno e dal quale tu potrai guadagnare.

2) conservare la tua ricchezza.

Vi è un solo modo per conservare la ricchezza: spendere meno di quanto guadagnate e investire la differenza.

Non è un principio molto affascinante ma è senza dubbio il sistema per garantire la vostra ricchezza in tempi lunghi.

Quello che non cessa di stupirmi, comunque, è vedere che la gente, qualunque cifra guadagni, trova sempre il modo di spenderla.

Anche le persone che rientrano nella fascia di reddito più alta sono spesso “al verde”.

L’unico modo possibile di costruirsi una ricchezza è di investire ogni anno una data percentuale del tuo reddito.

3) accrescere la tua ricchezza.

Semplicemente aggiungendo un altro fattore all’equazione che già ti ho esposto. Per diventare ricchi, dovrai spendere meno di quanto guadagni, investire la differenza e reinvestire il frutto sull’interesse composto.

Molti hanno sentito parlare della funzione esponenziale degli interessi composti, ma ben pochi sanno di che cosa di tratta.

L’interesse composto ti mette nella condizione per cui il tuo denaro lavora per te.

Quasi tutti noi lavoriamo tutta la vita per alimentare il meccanismo del tenore di vita.

Quelli che hanno successo finanziario sono coloro che mettono da parte un certa percentuale del loro denaro, la investono e continuano a reinvestire gli interessi, fino a raggiungere una fonte di reddito sufficiente a soddisfare tutte le loro esigenze senza che debbano mai più lavorare.

Prova a pensare a quanti soldi hai bisogno al mese per poter sopperire alle tue esigenze e spese comuni. Questo accumulo di capitale che ti affranca dalla necessità di lavorare è detto “massa critica”.

Potresti dirmi: “Splendido. Mi piacerebbe far aumentare in progressione geometrica i miei investimenti, ma come faccio a sapere in che cosa investire?”

La risposta non è facile. Dovrai prima decidere quali sono i tuoi obiettivi finanziari.

Che cosa vorrai raggiungere e in quale arco di tempo?

Qual è la tua tolleranza di rischio, il livello di rischio che puoi sostenere tranquillamente?

Se non hai un’idea chiara dei tuoi desideri, delle tue esigenze e dei tuoi potenziali interessi, è difficile stabilire in che cosa investire.

Spesso, aspiranti investitori si affidano al consiglio degli esperti finanziari anche se, altrettanto spesso, questi esperti non hanno la minima idea di quali siano le vere esigenze dei loro clienti.

•la mancanza di un obiettivo preciso;

•l’andare a caccia di investimenti “di moda”;

•affidarsi ai resoconti della stampa finanziaria.

•Seguire ciecamente il consiglio di brokers o di programmatori finanziari

•Commettere errori emozionali, e così via…

A mio modestissimo avviso conviene imparare a gestire il proprio capitale e occorre anche saper distinguere tra “Attivi” e “Passivi” e comprare i primi.

I ricchi acquistano i primi; i poveri e la classe media acquistano passivi ritenendo che siano attivi.

Per comprendere a fondo cos’è un “attivo” e un “passivo” considera questo:

ATTIVO: ti mette denaro in tasca

PASSIVO: ti toglie denaro dalla tasca

Quindi riassumendo, per ottenere la propria libertà finanziaria quando si è intrappolati nella corsa del topo, le azioni da intraprendere sono nell’ordine:

  • guadagnare un pò di più o spendere di meno,
  • pagare se stessi e la propria libertà finanziaria,
  • investire secondo gli obiettivi di tempo e cifre a disposizione.

In questo modo, e solo così sarai uscito dalla famosa corsa del topo di Kiyosaki e ti avvierai sulla corsia veloce verso il tuo wellness finanziario.

 

Fonte: http://www.cashflowclubestense.com/cose-la-liberta-finanziaria