Domiciliare le proprie bollette energetiche significa pagare luce e gas, a fine mese, senza dover fare alcuna fila alla posta o al tabacchi.
postato da DadoNet il 09/08/2012
Categoria: Utilità - tags: assistenza legale bollette + domiciliazione bollette

Domiciliare le proprie bollette energetiche, ovvero addebitarle sul conto bancario personale, non è così difficile. La comodità è quella di pagare luce e gas, a fine mese, senza dover fare alcuna fila alla posta o al tabacchi.

Si tratta di un’operazione basata sul sistema del Rid bancario (Rapporto interbancario diretto), che permette alla banca di prelevare la somma richiesta dal conto quando arriva l’addebito della bolletta.

Come richiedere il servizio? Basta recarsi in banca e dare autorizzazione al trasferimento di denaro alle compagnie di gas o elettricità di cui si è clienti. In pratica, va compilato un modulo per la domiciliazione bancaria, fornito dalla banca o dal gestore del servizio, scaricabile anche dal web, e recuperare l’ultima bolletta pagata.

Il tutto servirà per presentare la domanda di domiciliazione, direttamente in banca se si è titolari di un conto corrente tradizionale.  Chi invece possiede un conto on-line, può fare richiesta comodamente da casa, attraverso il sito della banca.

Attivare la domiciliazione è gratuito, anche se alcuni istituti bancari prevedono il pagamento di una commissione sull’addebito delle bollette. Le bollette pagate attraverso il conto bancario, verranno comunque recapitate a casa.

Quando e se si vorrà interrompere la domiciliazione, sarà necessario comunicarlo col giusto anticipo alla banca, per evitare l’addebito automatico di cui non si ha più bisogno. Per qualsiasi informazione sull’iter burocratico, o per il disbrigo delle pratiche, si può anche consultare i professionisti che si occupano di assistenza legale sulle bollette.

Fonte: http://www.electricamente.it/