Equilibrio omeostatico. Si tratta purtroppo, è il caso di dirlo, di uno di quei delicati equilibri della nostra realtà fisica che risulta impossibile da recuperare una volta che si è superata la...

Come prevenire la perdita dell'equilibrio omeostatico

postato da carlottatinti il 26/11/2012
Categoria: Salute e Benessere - tags: integratori + integratori alimentari

Equilibrio omeostatico. Si tratta purtroppo, è il caso di dirlo, di uno di quei delicati equilibri della nostra realtà fisica che risulta impossibile da recuperare una volta che si è superata la soglia dei 25 anni. La scienza fa ogni giorno importantissimi passi avanti e gli studi si stanno impegnando da anni anche su questo versante ma ancora non vi sono cenni riguardo un strategia, un metodo, per avviare un processo di recupero. Diverso è invece il discorso per quel che concerne la prevenzione. Il nostro comportamento quotidiano, le attenzioni che poniamo nei confronti del nostro fisico possono fare la differenza e dare importanti informazioni su come muoverci per tempo in modo da ovviare allo squilibrio omeostatico. Una alimentazione bilanciata che punta ad una riduzione del carico tossico è senza dubbio il passo principale, il più importante, dal quale dipende la risposta prima da parte del fisico. Aiutare tessuti ed organi a liberarsi dalle tossine è un processo che si può favorire tramite un controllo scrupoloso dell'alimentazione e attraverso un consumo adeguato di integratori. Trovare nuovamente il bilanciamento dell'assetto ormonale è poi importante per contrastare gli effetti dell'invecchiamento così come del decadimento a livello fisiologico. Importante anche recuperare il giusto PH e avviare un processo di ri-sincronizzazione del sistema neurovegetativo.