La Cina fa operazione di focus sull’hi-tech. Esattamente come qualche tempo addietro continua a affermarsi con maggior rigore il percorso scelto ed avviato ormai un anno fa dal colosso dell’est...

Cina: operazione di focus sull’hi-tech e stretta sulle terre rare

La Cina fa operazione di focus sull’hi-tech. Esattamente come qualche tempo addietro continua a affermarsi con maggior rigore il percorso scelto ed avviato ormai un anno fa dal colosso dell’est per quel che concerne estrazione e gestione sui mercati delle terre rare. La Cina punta sempre più ad accorpare tra loro le maggiori industrie del paese per controllare al meglio ed in maniera il più possibile omogenea la produzione, utilizzo e vendita dei minerali che stanno alla base per lo sviluppo del comparto di alta tecnologia. Malgrado le tante difficoltà dell’economia mondiale vi sono ancora settori che resistono bene alle pressioni del mercato, quello relativo le tecnologie più utilizzate nei paesi industrializzati e quindi tablet e smartphone, è senza dubbio alcuno l’esempio più lampante che si identifica pienamente in processo di crescita che non sembra per ora presentare rallentamenti preoccupanti. Ovviamente l’impiego delle terre rare non si limita solo a questa area di sviluppo: l’industria dell’auto, che riversa al momento in una condizione alquanto sofferente, sembra avere in serbo non poche sorprese per il prossimo futuro e pare che sarà proprio la Cina a presentare tali innovazioni; vi sono ottime possibilità che i principali tratti di evoluzione del settore riguardino proprio componenti ed equipaggiamenti la cui tecnologia usufruiranno pienamente delle caratteristiche funzionali dei suddetti minerali. Il timore si genera oggi in riferimento ad una prospettiva di forte squilibrio tra oriente ed occidente. La stretta che si evidenzia nel mercato delle terre rare provenienti dalla Cina interessa ovviamente anche l’Italia, soprattutto per la continuità e lo sviluppo di quelle tecnologie che stanno alla base di certe aziende e produzioni fondamentali per l’industria come ad esempio la realizzazione di guide per macchine utensili e guide di scorrimento, che utilizzano appunto componenti hi-tech di ultima generazione.