Il sensitivo è colui che riesce a percepire e vedere con una certa chiarezza il cosiddetto prana, ovvero quell’energia vitale che avvolge sia gli uomini che gli animali.

Chi è il sensitivo e quali sono i suoi poteri

postato da lux121 il 05/06/2011
Categoria: Cultura e Società - tags: sensitivo

Il sensitivo è colui che riesce a percepire e vedere con una certa chiarezza il cosiddetto prana, ovvero quell’energia vitale che avvolge sia gli uomini che gli animali. L’attributo di sensitivo viene attribuito anche al chiaroveggente, al telepatico, al medium, al rabdomante, al telecinetico, al cartomante e molte altre figure ancora. Tra il sensitivo e queste altre figure esiste però una sostanziale differenza: mentre i primi possono solo offrire il loro potere, il sensitivo pranico può invece percepire il prana di ogni essere vivente, ovvero quella parte di energia che è rinchiusa dentro di noi e determinarne così l’intensità. Non solo visto che il sensitivo pranico è anche in grado di interagire con il prana stesso andandone a modificare il flusso di energia, vedere l’aura, ovvero l’energia che avvolge tutti i corpi viventi, stabilirne il colore e determinarne lo stato di purezza o di contaminazione. Il sensitivo è inoltre capace di percepire la bontà o la cattiveria, l’irritabilità o la calma, avendo inoltre la possibilità di spingersi in altri campi del paranormale con risultati che variano a seconda dell’impegno con il quale il sensitivo affronta il compito che gli è stato affidato.

Molti sensitivi, dopo molti anni di pratica e di esperienza, sono capaci di percepire anche le più piccole variazioni praniche riuscendo a coinvolgere l’intero corpo fisico e ampliando conseguentemente il proprio potere.

Questo fa si che il corpo del sensitivo si trasformi in una sorta di accumulatore di energia, facendo appunto passare attraverso il proprio corpo l’energia pranica di un corpo squilibrato da fattori fisici o di volontà esterne al proprio corpo. Grazie a questa tecnica il sensitivo pranico è capace di assorbire il corpo delle persone, provocando sul proprio corpo quegli stessi disturbi in modo da individuarne con maggior precisione i disturbi. Tutti i disturbi, sia quelli di origine traumatica che psichica formano infatti una sorta di ostacolo che il sensitivo pranico è in grado di rimuovere permettendo quindi una più rapida guarigione sia del corpo che della mente, avvalendosi chiaramente anche del supporto di un medico