Canada: il Paese sconvolto dallo scandalo delle adozioni forzate. Centinaia di migliaia di giovani madri single sono state costrette ad abbandonare il loro bambino fino agli anni '70  ...

Canada: il Paese sconvolto dallo scandalo delle adozioni forzate

postato da dagata 1 settimana, 4 giorni fa
Categoria: Italia - tags: canada il paese sconvolto dallo scandalo delle adozioni forzate
giovanni d'agata

 

Canada: il Paese sconvolto dallo scandalo delle adozioni forzate. Centinaia di migliaia di giovani madri single sono state costrette ad abbandonare il loro bambino fino agli anni '70

 

               

 

Una storia terribile: per decenni migliaia di madri non sposate furono obbligate dallo Stato e dalla Chiesa a dare in adozione i loro neonati a coppie sposate. È un tabù vecchio di decenni che è caduto. Il Senato di Ottawa ha pubblicato a luglio un rapporto intitolato "Vergogna su di noi". Vi è uno scandalo delle adozioni forzate di bambini nati da donne non sposate dal 1945 agli anni '70. " Secondo il rapporto della commissione si trattò di una pratica comune dalla Seconda guerra mondiale fino all’inizio degli anni Settanta, e venne attuata da governi, ospedali, chiese e associazioni di beneficenza. Le madri non sposate erano sottoposte a forti pressioni, fino a essere minacciate e ingannate, per dare in adozione i loro figli, nella convinzione che fosse nell’interesse dei bambini essere cresciuti da coppie sposate. Nel dopoguerra, il Canada giudicava ancora severamente le madri single, donne a cui enorme pressione sociale e istituzionali sono stati esercitati in modo che il loro bambino fosse dato alle coppie tradizionali che volevano iniziare la propria famiglia ", riporta il rapporto. All'avvio di queste indagini, la ONG Origins, che ha già denunciato tali azioni in Australia, Nuova Zelanda , Regno Unito e Stati Uniti. Diverse vittime, circa ventenni al momento della nascita del figlio, hanno testimoniato davanti ai membri della commissione senatoriale. "Mi è stato detto che era meglio per mio figlio avere una madre e un padre", spiega Sandra Jarvie, che era incinta alla fine degli anni '60. "Non sarei in grado di pagare la sua istruzione. Sarebbe considerato illegittimo, ridicolizzato a scuola, il che significava insinuare che il mio bambino sarebbe stato molto meglio senza di me. Eravamo egoisti nel voler mantenere nostro figlio; meritava una vita migliore. "Le giovani donne sono state incoraggiate a partorire in relativo anonimato, in case di maternità finanziate dal governo federale. Finanziato dallo stato, ma gestito dalle principali chiese del paese (anglicano, cattolico, presbiteriano ...). La catena di responsabilità è infatti immensa. Come notato nel documento, solo la Chiesa protestante del Canada unita ha indagato su questo problema nel 2013. Mentre è difficile stimare con precisione il numero di giovani donne fortemente motivate ad abbandonare il loro bambino, i senatori hanno presentato il numero di 600.000 "presunte nascite illegittime" dal 1945 al 1971. Uno scandalo che ha spinto il Senato a chiedere al Parlamento scuse ufficiali e adozione sulla scia di misure concrete di riparazione per le vittime di questi abbandoni istituzionalizzati. Pratiche sono diminuite per via dell’introduzione della pillola contraccettiva, di nuove politiche di welfare e della legalizzazione dell’aborto. Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti", pratiche che hanno forzato la separazione di madri dai loro figli, e che hanno creato un’eredità di dolore e sofferenza lunga una vita. Conseguenze profonde di queste politiche e pratiche sui padri che hanno causato anche il dolore a fratelli e sorelle, nonni, compagni e agli altri membri della famiglia. Pratiche vergognose che hanno negato alle madri, i diritti fondamentali e la responsabilità di amare e prendersi cura dei loro bambini.