A comunicarlo è stato il presidente dell’Istat Enrico Giovannini, in un’audizione alle commissioni bilancio di Camera e Senato. Secondo quanto si apprende da Giovannini, il mercato del lavoro nel...
postato da itrasformisti il 29/09/2012
Categoria: Economia - tags: disoccupazione + giovani + inattivita + inoccupazione + istat + lavoro + mezzogiorno

A comunicarlo è stato il presidente dell’Istat Enrico Giovannini, in un’audizione alle commissioni bilancio di Camera e Senato.

Secondo quanto si apprende da Giovannini, il mercato del lavoro nel primo semestre del 2012 continua a far registrare il segno meno, soprattutto tra i 18 – 29 enni, con un – 2,8% rispetto all’anno precedente, raggiungendo un tasso di disoccupazione del 24,4% su scala nazionale, toccando il 40% per quel che riguarda le giovani donne del mezzogiorno.

Su 7,7 milioni di giovani, solamente il 40% risulta occupato, il 13% è alla continua ricerca di lavoro, mentre il 47% è inoccupato, in quest’ultimo caso 6 su 10, sono studenti.

Circa 2.071.000 di giovani tra i 18- 29 anni, sono inattivi, cioè non lavora e non frequenta nessun corso professionale, il trend in questo caso è in aumento di 103.000 unità rispetto ai primi sei mesi del 2011.

Per questa fascia d’età solo il 12% degli occupati svolge un lavoro a tempo indeterminato, il rimanente 38% svolgono un lavoro di dipendente a termine o di collaborazione.

Fonte: http://itrasformisti.altervista.org