I più scettici affermano che si tratta di una casualità, ma non è la prima volta che l'ascolto di una canzone accompagna il risveglio di una persona dal coma. L'ultimo protagonista di questa...
postato da jacopo il 07/09/2009
Categoria: Scienza - tags: bambino + coma + marco + scienza

I più scettici affermano che si tratta di una casualità, ma non è la prima volta che l'ascolto di una canzone accompagna il risveglio di una persona dal coma. L'ultimo protagonista di questa inspiegabile coincidenza è Marco Carta. Il suo singolo d'esordio "La forza mia" è stato, come racconta il settimanale "Dipiù", la colonna sonora del risveglio del piccolo Domenico, un bimbo di nove anni, da mesi in bilico tra la vita e la morte.


"Per cercare di fargli aprire gli occhi gli parlavo in continuazione dei suoi hobby e delle sue passioni" racconta la madre del ragazzino. "Tra esse, il posto d'onore lo detiene proprio Marco Carta, che per mio figlio è un idolo". Così la donna, non potendo portare una radio in reparto, ha deciso di intonargli il successo di Carta. "Mentre io cantavo, il mio bambino, che da giorni era immobile in coma, ha mosso la mano destra. Era la prima volta che aveva una reazione dopo il terribile incidente che quasi me lo ha portato via".

L'emozione di quel momento è ancora viva, mista ad un'incredulità che accompagna il racconto della guarigione di Domenico. "I medici hanno detto che aveva il quaranta per cento delle possibilità di restare in vita e il sessanta di morire" ricorda la mamma del bambino. Poi il risveglio inaspettato, sulle note della canzone che ha vinto l'ultimo Festival di Sanremo.

Ora che sta meglio, Domenico ha potuto incontrare il suo beniamino. Il cantante, in concerto a pochi chilometri di distanza dalla casa di cura dove si trovava il ragazzo, ha voluto conoscere di persona il piccolo. "Non è merito mio" ha detto Marco Carta a Domenico. "E' merito di tua madre che te l'ha cantata. Io sono felice di aver avuto una piccola parte nella tua guarigione".

Fonte: http://www.tgcom.mediaset.it/spettacolo/articoli/articolo459484.shtml?refresh_cens&fontsize=medium