L’e-mail marketing può essere considerato anche uno strumento di marketing esperienziale: le azioni di sensory branding possono aiutare l'e-commerce
postato da BancomailUS il 27/06/2012
Categoria: Internet - tags: branding + email + marketing + marketing esperienziale + sensory

Comprendere la psicologia dei propri prospect è utile alle aziende per offrire i prodotti e i servizi più vicini ai desideri dei consumatori finali. Oggi vi parliamo di Sensory Branding ovvero di come possiamo stimolare i nostri potenziali clienti attraverso i 5 sensi. Sappiamo bene che l’e-mail marketing ben utilizzato, può essere inserito in una strategia per acquisire e fidelizzare i clienti.

Le aziende vincenti utilizzano strategie di comunicazione per stimolare, attirare e fidelizzare i propri clienti, e i brand più famosi hanno già intrapreso questo nuovo tipo di marketing “esperienziale”.

Le imprese quindi propongono una nuova esperienza di consumo centrando l’attenzione su:

  1. Contesto nell’utilizzo del prodotto, e non sul prodotto stesso
  2. Contesti diversi all’utilizzo del prodotto e non sulle sue caratteristiche
  3. Utilizzare stimoli sensoriali diversi nei luoghi diversi dove l’azienda entra in contatto con il potenziale cliente

Quindi la promozione del prodotto cerca di colpire i cinque sensi del consumatore.

Il prodotto diventa una sorta di entità che si relaziona con lo spazio, il tempo e quindi con i sensi del consumatore fondendosi in un’esperienza di consumo tra on-line ed off-line, dove forzediverse si integrano tra di loro per soddisfare il consumatore.

Ma perché utilizzare il sensory marketing?

È importante saper sfruttare i 5 sensi per avviare delle campagne di marketing nuove, innovative e capaci di attirare l’attenzione anche di quei consumatori più reticenti all’acquisto, più diffidenti o semplicemente meno curiosi.

Sensory marketing per aumentare le vendite

Che la molla che spinge all’acquisto sia in qualche modo collegata al lato inconscio dell’uomo, lo sappiamo da quando a partire dagli anni Ottanta si incominciava a parlare, nell’ambito della semiotica, della cosiddetta pubblicità sensoriale.

Il consumatore è spinto all’acquisto di un prodotto non solo in funzione della logica bisogno-acquisto-beneficio ma anche per ragioni che vanno al di là della razionalità.

Quindi cosa cerca il consumatore al momento dell’acquisto? L’emozione, la gratificazione personale nell’essere entrati in possesso non solo di un oggetto, ma anche qualcosa di più… Questo “di più” è ovviamente soggettivo, in funzione del nostro essere, di come viviamo e anche dei condizionamenti esterni cui siamo sottoposti ogni giorno.

Quali sensi sono importanti nelle campagne di email marketing dei vostri clienti?

Avete mai pensato di poter stimolare sensorialmente utilizzando le campagne di email marketing inserite in un marketing mix stimolando così sensi diversi in “posti” diversi del web?

Fonte: http://www.bancomail.it/blog/index.php/e-mail-marketing-per-comunicare-attraverso-esperienza-il-sensory-branding/