Oggigiorno, agli Italiani piace sempre più guardare altre persone ballare sul proprio schermo di casa, infatti gli show televisivi come Ballando con le Stelle, stanno dominando la scena dei...

Ballare, 5 motivi per iniziare subito

postato da JohnDominis il 07/05/2018
Categoria: Salute e Benessere - tags: ballo + danza + salute

Oggigiorno, agli Italiani piace sempre più guardare altre persone ballare sul proprio schermo di casa, infatti gli show televisivi come Ballando con le Stelle, stanno dominando la scena dei Reality in tv. Quello che invece non è così chiaro a molti, è che alzarsi dal divano ed iniziare a ballare, è forse uno dei modi migliori per tenersi in forma. Sempre più studi raccomandano il ballo e la danza come ottime attività fisiche per perdere peso, rimanere flessibili, ridurre lo stress, socializzare e molto altro.

Dopo aver rintracciato le pubblicazioni delle ricerche più interessanti inerenti alla materia del ballo, che risale a tempi antichissimi, abbiamo parlato con gli allievi di una delle scuole di ballo più riconosciute a Torino, la Timba Tumba Dance Academy, per chiedere la loro opinione sugli aspetti messi in risalto da ciascuna ricerca.

 

Migliora la memoria

Sono anni che i ricercatori di università di tutto il mondo lavorano su cure che possano rallentare l’inevitabile declino delle nostre capacità cognitive.

In questo studio, un’università del Colorado, Stati Uniti, si è chiesta se tenere attivi i partecipanti del proprio studio, avrebbe rallentato il processo di perdita di memoria. I ricercatori hanno scelto un campione di adulti tra i 60 e gli 80 anni di età che non mostravano segni evidenti di perdita di memoria. A ciascuno dei partecipanti è stata assegnata una delle tre attività, camminata spedita, stretching e esercizi di equilibrio o lezioni di ballo. Tre volte a settimana, i partecipanti del gruppo di ballo, si esercitavano e imparavano a ballare coreograficamente a suon di musica country. L’obiettivo, secondo gli studiosi, era quello di osservare come l’introduzione di esercizi aerobici o attività come quella del ballo, potessero aiutare a proteggere il nostro cervello dall’avanzare dell’età.

Alla fine dello studio, tutti i partecipanti sono stati sottoposti a delle tac cerebrali, i pazienti a cui era stata assegnata l’attività del ballo, hanno mostrato una resistenza al deterioramento cognitivo di gran lunga superiore a quella dei pazienti degli altri gruppi.

Abbiamo chiesto a Mario, 45 anni, se avesse notato qualche cambiamento da quando si è iscritto alla Timba Tumba Dance Academy un anno fa. Mario scherzosamente ci ha risposto “Ecco, sicuramente non mi ha fatto venire voglia di tornare a risolvere le equazioni matematiche, però devo dire che ultimamente mi sembra di essere migliorato nel sudoku.”

 

Staccare mentalmente

Tutti noi sappiamo cosa vuol dire aver bisogno di staccare mentalmente di tanto in tanto. Ballare, è un’attività ideale per chi passa ore seduto in ufficio o rimane per ore incollato sul divano davanti alla tv.

La scienza concorda, uno studio del 2014 ha riscontrato cambi di umore positivi tra i ballerini ricreazionali. I partecipanti avevano livelli di energia superiori ed erano meno tesi rispetto ai ballerini professionisti, che invece mostravano livelli di stress in linea con quelli di atleti di altre categorie sportive. Ai movimenti ritmici sono stati associati gli stessi processi di rilascio delle endorfine che vengono riscontrati durante la sensazione di euforia prodotta da una corsa.

Varie persone che frequentano scuole di ballo amatoriali trovano le lezioni come un momento per potersi concentrare su se stessi e l’assenza di comunicazione verbale aiuta a liberare la mente. Molti sono gli studi che rafforzano questa relazione positiva tra il ballo e la condizione mentale. Uno studio fatto dalla American Medical Association su un campione di ragazze adolescenti statunitensi ha osservato lo sviluppo di stati d’animo e pensieri positivi e maggiore sicurezza in se stesse successivamente a sessioni di ballo e o danza.

Abbiamo dato voce agli allievi della nostra scuola di ballo Torinese che ci hanno risposto nel seguente modo:

Mara, 23: “Non ci avevo fatto caso, ma riflettendoci, mi sento effettivamente più socievole e capita spesso che dopo le lezioni rimanga a socializzare anche fuori dalla scuola con i compagni di corso”

Federica, 31: “Assolutamente, è uno dei motivi per cui mi piace ballare, da quando ho iniziato mi sento più positiva di prima, lo consiglierei a tutti!”

 

Tutto quello che vi serve, siete voi stessi

Ballando, il nostro corpo è soggetto ad un esercizio cardiovascolare notevole, esercizio che in teoria può essere fatto ovunque, senza la necessità di andare in palestra o di procurarsi degli attrezzi sportivi.

L’intensità di una sessione di ballo è data dal tipo di movimenti che si esercita. Alla fine di una lezione di circa un’ora di danza, i partecipanti hanno sicuramente allungato vari gruppi di muscoli ed eseguito movimenti con precisione ed equilibrio. Una serata sulla pista da ballo, in discoteca o ad un matrimonio, spesso risulta in un battito cardiaco accelerato per un periodo decisamente più lungo. Le capacità motorie sono anch’esse messe in gioco e soprattutto per i meno giovani, si da la possibilità alle articolazioni di muoversi liberamente su più assi e in modo fluido e naturale.

Abbiamo chiesto a Giorgio, 36 anni, frequentante del corso di salsa e bachata da circa due anni: “Vi assicuro che andare a ballare nei locali per divertimento è più stancante di una qualsiasi lezione di ballo. Il casino è che quando non ti danno un limite di tempo tendi ad esagerare col divertimento. Una volta che impari poi fai fatica a farne a meno.”

 

Equilibrio e Coordinazione

Le statistiche ci indicano che circa un terzo della popolazione sopra i 65 anni in Italia è soggetto ad una caduta, spesso in ambito domestico. Alcune delle tecniche insegnate nelle scuole di ballo mostrano proprio come gestire questo tipo di situazione rendendo i propri allievi più consapevoli del proprio corpo e a sperimentare cadute in maniera controllata. Queste tecniche non solo sono utili ai ballerini, ma anche agli atleti che praticano sport di impatto, bambini in fase di sviluppo di coordinazione motoria e membri della popolazione più in là con gli anni a cui preoccupa la possibilità di infortunarsi. Il ballo è solo una serie di test di equilibrio e imparare a ballare può dare un serio contributo alla riduzione dei rischi da caduta.

 

Ballare non ha limiti di età

Qualsiasi persona, non importa l’esperienza, ha qualcosa da imparare da un corso di ballo. Questa attività così inclusiva e coinvolgente è accessibile da tutti ed ha un numero illimitato di benefici. Al contrario di altre forme di esercitazione fisica, non ci sono regole nel ballo. I partecipanti includono un range che va dai bambini più giovani, ai pensionati in età avanzata. Basti pensare alla ormai famosissima Paddy Jones, la “vecchia che balla”, portata alla notorietà in Italia grazie alla partecipazione a Sanremo con i Stato Sociale. Il movimento fa bene a tutti e nel ballo è racchiusa l’integrazione tra la mente, il corpo e l’anima, che rappresentano anche i principi base di una vita salutare.

Nancy, 55 anni, frequenta il corso di zumba: “Non saprei, avete chiesto alla persona sbagliata, io mi sento ancora una ragazzina.”