Australia occidentale. Uomo ucciso in un attacco di squalo a Broome's Cable Beach. Un uomo sulla cinquantina è morto per ferite orribili dopo essere stato sbranato da uno squalo in una delle...

Australia occidentale. Uomo ucciso in un attacco di squalo a Broome's Cable Beach.

giovanni d'agata

 

Australia occidentale. Uomo ucciso in un attacco di squalo a Broome's Cable Beach. Un uomo sulla cinquantina è morto per ferite orribili dopo essere stato sbranato da uno squalo in una delle spiagge più iconiche dell'Australia occidentale.

 

 

 

Un uomo è morto dopo essere stato attaccato da uno squalo al largo della famosa Cable Beach a Broome, nel nord dell'Australia occidentale. Si ritiene che l'uomo di 55 anni stesse nuotando da solo quando lo squalo gli ha sbranato la coscia e gli ha morso la mano poco prima delle 9:00 ora locale. Le squadre di emergenza sono state chiamate in spiaggia ed è stata eseguita la rianimazione cardiopolmonare sulla scena, ma l'uomo, che si ritiene essere un locale di Broome, non ha potuto essere salvato. Il proprietario dell'azienda di noleggio di attrezzature da spiaggia Daryl Roberson ha detto alla ABC che è stato "devastante"."Ho visto una macchina scendere, un'auto della polizia e ovviamente un'auto della polizia senza contrassegni, seguendo un'altra macchina e ho pensato 'beh, è abbastanza serio'", ha detto. Il sig. Roberson ha detto che credeva che fosse il primo attacco di squalo al punto turistico. "Subire qualcosa di simile è insolito e davvero devastante", ha detto. Si è capito che un testimone he ha assistito all’attacco, ha lanciato l'allarme e ha chiamato le autorità. L'attacco è avvenuto a circa 1,5 km a nord del Cable Beach Surf Club, secondo Surf Life Saving WA. Nel frattempo, nella periferia meridionale di Perth, più squali sono stati avvistati al largo della costa. Fino a quattro squali baleniera di bronzo lunghi fino a 3,5 m sono stati avvistati a Warnbro Sound a Rockingham, a soli 6 km al largo, secondo Surf Life Saving WA. Cable Beach, che si estende per 22 km e si trova a 2000 km a nord di Perth, è una delle destinazioni turistiche più popolari dell'Australia occidentale. L'attacco è avvenuto durante la "bassa stagione" e la scorsa settimana i surfisti hanno terminato le loro pattuglie in spiaggia. Migliaia di turisti ogni anno scendono nel popolare luogo, che si trova nell'Oceano Indiano orientale, nel nord dello stato. Dall’inizio dell’anno la terra dei canguri ha fatto registrare addirittura otto attacchi mortali ai surfisti. Nel 2019 non c’era stata alcuna vittima, negli anni precedenti invece la media si aggirava intorno a un attacco letale l’anno. Per arrivare a numeri simili a quelli del 2020 bisogna tornare indietro addirittura al 1934. L’ultimo attacco mortale di uno squalo contro un surfista è avvenuto pochi giorni fa ed è inquietante. L’aggressione è stata vista da terra, ma il surfista è poi sparito tra le onde e il suo corpo non è stato più ritrovato nonostante le ricerche con i droni, solo la sua tavola è stata recuperata. La stessa sorte era toccata alcuni mesi fa a un sub. Gli scienziati potrebbero avere una spiegazione a tutto questo. Secondo loro, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,  a causa del riscaldamento delle acque la barriera corallina sta morendo e gli squali, che normalmente cacciano sul reef, stanno cambiando le loro abitudini per adattarsi. I predatori dei mari non stanno variando le abitudini alimentari, l’uomo non è nel loro menù, ma seguendo il loro cibo. I pesci che normalmente sono la preda degli squali si stanno spostando dalla barriera corallina morta e si stanno dirigendo verso le spiagge seguiti dagli squali, che, a quel punto, possono entrare in contatto con i surfisti. Notoriamente è risaputo che la tavola da surf attrae questi temibili cacciatori che, dopo aver mosso il primo attacco, entrano in frenesia e rivolgono le loro attenzioni anche al malcapitato surfista. Le spiagge australiane da sempre hanno delle vedette preposte all’avvistamento degli squali e adesso, data la situazione, dovranno raddoppiare la loro attenzione.