Chi ha provato l’attacco di panico certamente sa di cosa si sta parlando. Si tratta di una esperienza estremamente negativa, nata improvvisamente e forse inattesa nelle sue eccessive proporzioni,...

I problemi dell’attacco di panico sono numerosi perché gli indizi sono subdoli e non si riconoscono facilmente. Sono situazioni da rilevare velocemente perché non si può attendere che ansia attacchi di panico possano degenerare. Attacco di panico è una condizione che tradisce molti, anche quelli più impegnati professionalmente e più preparati ad ogni evenienza. E’ sufficiente un esame, un colloquio di lavoro o molto meno per lanciare una crisi che crea problemi di ansia attacchi di panico. E’ inutile dire che l’attacco di panico è tra le situazioni caratterizzate da una preoccupazione intensa forti emozioni e una crescita rapida di un’ansia che nelle condizioni normali è presente nel proprio organismo senza creare problemi. Ed è proprio questo fastidio di cui si sta parlando, ovvero di quando i problemi iniziali che normalmente problemi non sono vengono a trasformarsi in un eccesso che risulta essere un eccesso indicibile e problematico di preoccupazione. I sintomi dell’ansia attacchi di panico che accompagnano questi disturbi sono i soliti e ormai ben noti e sono sia personali e sonatici, ovvero che riguardano il proprio organismo che di psicologia, e tra questi siamo soliti annoverare le palpitazioni, e una eccessiva sudorazione, difficoltà nel respirare, senso strano di oppressione, un forte dolore al petto e le solite paure di morire, di perdere il lavoro, di perdere il partner, di perdere la ragione, le vampate di calore. Tutte cose molto note, che conosciamo bene, che non ci creano più incredulità ma che in quei momenti non sappiamo gestire, tutto diventa nero e non vogliamo far altro che rintanarci nelle nostre solite attività abitudinarie che ci regalano tanta infinita sicurezza. Chi ha provato l’attacco di panico certamente sa di cosa si sta parlando. Si tratta di una esperienza estremamente negativa, nata improvvisamente e forse inattesa nelle sue eccessive proporzioni, almeno nella prima occasione. Ad esempio quando per la prima volta si è parlato in pubblico di preoccupazioni di bene comune e del bene della ricerca universitaria dinanzi ad una platea di gente sconosciuta di un’altra città. Ma alla fine dopo il primo attacco inizia a dominare l’ansia attacchi di panico del successivo e del successivo ancora e tutto diventa ingestibile. E poi non si può non parlare di quel fenomeno che gli studiosi di scienze e tecnica chiamerebbero retroazione positiva, ovvero la preoccupazione che alimenta la paura, ovvero la paura della paura, la paura di essere preoccupati. I letterati lo chiamano il circolo vizioso, quella paura di trovarsi in una situazione imbarazzante dove non si riuscirebbe a trovare aiuto e dalla quale sarebbe difficile allontanarsi. Bisognerebbe cercare di evitare tutte queste situazioni che causano attacco di panico, ma in questo caso si diventa schiavi del proprio disturbo e si diventa frustrati perché pur essendo adulti e vaccinati ci si sente un peso per la propria famiglia che non ci può mai abbandonare nelle situazioni di difficoltà. Potrete trovare suggerimenti e consigli per curare l’ansia attacchi di panico visitando questo sito: http://www.AttacchiAnsia.com

 

Vivi Una Vita Senza Piu Ansia e Panico, Ansia Attacchi, Attacchi di Panico, Attacchi di Panico, Ansia Panico e ansia sociale. Allontana L'Ansia e il Panico Con Attacchi Ansia.Ottenere le risposte alle domande frequenti relative ad Ansia attacchi di panico

Fonte: http://www.AttacchiAnsia.com