Recentemente sono stati testati e provati diversi prodotti per l'overclocking, andiamo a vedere nel dettaglio quali prodotti prodotti sono stati testati e i risultati finali. Il prodotto Asus...

Asus P9X79 e il confronto

postato da webecommerce il 14/02/2012
Categoria: Informatica - tags: schede madri

Recentemente sono stati testati e provati diversi prodotti per l'overclocking, andiamo a vedere nel dettaglio quali prodotti prodotti sono stati testati e i risultati finali. Il prodotto Asus P9X79 rappresenta un'ottima soluzione in base al rapporto prezzo/ prestazioni se comparato con la maggior parte delle altre schede in commercio.

Infatti per circa 270 Euro offre migliori prestazioni generali tra i suoi concorrenti e l'overclock di memoria più elevato. Questi dati superano di pochissimo, pensate solo dello 0,1%, un altro concorrente: una scheda meno costosa la Gigabyte X79-UD3 da 230 Euro. La soluzione che viene offerta da Gigabyte offre un four-way SLI, che la rende una scelta decisamente allettante per gli appassionati del settore.

Il prodotto di Asus, invece, possiede più slot di memoria, un numero maggiore di porte USB 3.0 e un ricetrasmettitore Bluetooth che vanno a compensare il prezzo maggiore e la mancanza del four-way SLI. In pratica, chi non è in grado di permettersi o ancor più semplicemente non desideri avere 4 schede video di fascia alta potrebbe riconoscere in uno di questi due prodotto la scelta più appropriata. Un'altra scheda, che ha preso parte al test,è stata la ASRock X79 Extreme 6/GB che dimostrato di meritare la prima posizione nel test di overclocking, mentre al contrario non è riuscita a superare il bug che impediva l'overclock della CPU tramite il moltiplicatore presente sulla maggior parte della scheda madre.

Guardando il lato positivo del test, la AsRock ha mostrato un overclock tramite base clock decisamente eccezionale, cosa che la rende una soluzione auspicabile per chi voglia dilettarsi con un Core i7-3820. La disponibilità sul mercato della X79 Extreme 6/GB è scarsa o meglio, praticamente quasi nulla ed è proprio per questo che il prezzo resta a grandi linee un'incognita. Facendo un ipotesi di un costo maggiorato di circa 20/30 Euro rispetto alla Gigabyte, la X79 Extreme 6/GB vi darà due porte USB 3.0 sul pannello frontale, perderete il supporto four-way SLI e avrete una scheda combo audio/rete di qualità che però sarà inutilizzabile insieme ad un three-way CrossFire o SLI. E' probabile che alcuni saranno anche disposti a uno slot grafico per mantenere l'audio secondario Creative Core 3D e un chip supplementare Ethernet di Broadcom e noi speriamo che la ASRock X79 Extreme 6/GB arrivi in più negozi con un prezzo inferiore.

La migliore scheda madre, in termini di caratteristiche, è risultata la ECS X79R-AX, con un supporto a 4 schede video ( come la nostra Gigabyte), modulo Bluetooth (vedi Asus) e adattatore Wi-Fi integrato. Si può dire che la progettazione ha mirato più alle ambizioni che alla lungimiranza. LA X79R-AX offre persino porte SAS e non sarebbe affatto male riuscire a vederla anche con connettività USB3.0 sul pannello frontale e supporto a quattro schede.

La MSI vince il test solo in termini di efficienza. Il suo prezzo oscilla tra i 270 e i 285 Euro, un po' di quanto ci si aspettasse. Non c'è la compatibilità con 4 schede video come nella Gigabyte X79-UD3, un punto a favore è sicuramente dato dagli 8 slot DIMM, subito compensati negativamente da un connettore USB 3.0 del pannello frontale che impedisce di installare una terza scheda video di alta fascia. Alla fine la miglior scelta considerando efficacia e costi ricade a pari merito su Asus e Gigabyte. Scelta di condurre anche in base alle proprie esigenze.