Uno degli elementi che questa crisi sta portando con sé, oltre ad una serie di preoccupazioni più o meno gravi per il futuro lavorativo è quello di una sorta di panico del consumatore nei...

Arriva la crisi e le rate salgono

postato da saramoca il 11/08/2011
Categoria: Finanziamenti e Prestiti - tags: mutuo rata costante

Uno degli elementi che questa crisi sta portando con sé, oltre ad una serie di preoccupazioni più o meno gravi per il futuro lavorativo è quello di una sorta di panico del consumatore nei confronti dei tassi dei mutui. E’ inutile ripetersi che il mutuo a tasso variabile è ancora il più conveniente. Il consumatore è alla ricerca di mutui che diano stabilità e che non rechino spiacevoli sorprese in futuro. Se i tassi continuano a mantenersi bassi chi ha stipulato un mutuo rata costante può continuare a dormire sogni tranquilli. Al contrario deve iniziare a pensare ad una soluzione differente in caso di inversione si marcia degli stessi.

Ad ogni modo basta analizzare la situazione attuale per capire che le sorprese, forse, non finiscono qui a livello economico. E’ palese la risalita dei tassi dall’inizio dell’anno. La speranza è che questa crescita continui a rimanere al minimo senza intaccare più di tanto le tasche degli italiani. Cosa è che rimane di tutta la situazione? Che ora come ora conviene un tasso variabile se si ha meno bisogno di denaro per la propria abitazione?

Un controsenso? Così sembrerebbe, anche se non lo è affatto. Il tutto è da collegare ai corrispondenti prestiti indicizzati che nonostante tutto rimangono ancora decisamente elevati. E soprattutto, a livello strettamente tecnico, l’effetto degli aumenti del costo del denaro smette di farsi sentire con la sua morsa, solo dopo il pagamento di metà mutuo. Cosa fare nel frattempo?