I liberi professionisti che sono dubbiosi sulla possibilità di aprire partita IVA risolveranno i dubbi con questa guida sul come aprire partita IVA nel 2018 Partita iva contro ritenuta d'acconto...
postato da stefaniafisco il 28/01/2018
Categoria: Finanza - tags: liberi professionisti

I liberi professionisti che sono dubbiosi sulla possibilità di aprire partita IVA risolveranno i dubbi con questa guida sul come aprire partita IVA nel 2018

Partita iva contro ritenuta d'acconto

La ritenuta d’acconto non può essere utilizzata per attività lavorative continue e prevede alcune limitazioni: 

•non superare i 5000€ di guadagno annuo;


•non superare i 30 giorni di collaborazione per ogni datore di lavoro;


•non pubblicizzarsi.

Il Regime Forfettario

Il regime forfettario è la scelta migliore per tutti coloro che avviano la propria attività e prevede di non superare un reddito annuo di circa 30.000€. Questo limite è imposto dal codice ATECO di riferimento della propria attività e non è fissa, ma varia sempre in base alla attività lavorativa. A differenza del regime semplificato e ordinario, con il regime forfettario non è possibile detrarre alcuna spesa di attività. C’è però un privilegio che è quello di calcolare le imposte su un imponibile che corrisponde a una percentuale del fatturato definita da un “coefficiente di redditività”, identificabile sempre dal codice ATECO. 

Nel regime forfettario l’unica tassa da pagare è l’imposta sostitutiva pari al 5% nei primi cinque anni, e 15% negli anni successivi. La tassa va completata con la cassa previdenziale. Se la tua attività prevede una cassa previdenziale dedicata, compre esempio quella forense degli avvocati, dovrai iscriverti li, altrimenti dovrai iscriverti alla gestione separata INPS. 

Come posso aprire partita IVA?

Definito il codice ATECO più adatto alla vostra professione, si potrà procedere all’aprire partita IVA. Esistono due metodi differenti per farlo: online e offline. 

Offline significa raggiungere personalmente l’ufficio dell’Agenzia delle Entrate, con carta d’identità e modello AA9/12 ben compilato e registrare la propria partita IVA. Il modello, compilato con tutti i dati personali e professionali, con il documento sono da consegnare all’agenzia in duplice copia oppure:

•in copia singola tramite raccomandata a qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate;

•per via telematica direttamente dal contribuente. 


La compilazione del modello AA9/12 è molto importante perché è ciò che caratterizza la vostra attività. Un aiuto per aprire partita IVA è Fiscozen che si occupa direttamente di tutto tramite i loro operatori. I documenti vengono registrati tutti i documenti in 24h e gratuitamente dopo aver scelto un piano in abbonamento e parlato con un operatore dedicato per la compilazione dei dati del modello AA9/12. 

Fonte: https://www.fiscozen.it/