Ambulatorio per l'anemia La Casa di Cura Nuova Villa Claudia ha attivato un servizio ambulatoriale per il trattamento dell’anemia. Con il termine anemia si...,

Ambulatorio per l'anemia a Nuova Villa Claudia

Ambulatorio per l'anemia a Nuova Villa Claudia

Ambulatorio per l'anemia 

Ambulatorio per l'anemia a Nuova Villa Claudia

La Casa di Cura Nuova Villa Claudia ha attivato un servizio ambulatoriale per il trattamento dell’anemia.

Con il termine anemia si definisce la riduzione della emoglobina (Hb) al di sotto dei valori normali. L’anemia è molto diffusa, sia negli uomini che nelle donne. L’esame che permette di riconoscere la condizione di anemia è l’emocromo completo. 

Per comprendere quali sono i principi alla base di un Ambulatorio per l'anemia bisogna spiegare come si formano i globuli rossi, l’emoglobina ed il ruolo del ferro.

Ambulatorio per l'anemia

L’importanza del ferro nel processo di formazione dei globuli rossi:

I globuli rossi che contengono l’emoglobina si formano all’interno del midollo osseo. E’ il ferro l’elemento che favorisce la specializzazione delle cellule in globuli rossi e si lega all’emoglobina.

Quale è la funzione del ferro e dell’emoglobina nel nostro corpo?

Il ferro legato all’emoglobina nei globuli rossi si lega a sua volta all’ossigeno a livello polmonare per liberarlo a livello dei tessuti. Contemporaneamente, a livello dei tessuti l’emoglobina lega l’anidrite carbonica e la trasporta ai polmoni che la rilasciano con il respiro. Tale meccanismo è quindi vitale per il nostro organismo.

Quali sono le conseguenza dell’anemia?

L’anemia rappresenta una riduzione di emoglobina nei globuli rossi e la conseguente riduzione dell’apporto di ossigeno ai tessuti.

Le conseguenze e i sintomi dell’anemia sono più o meno gravi a seconda dei valori di emoglobina e della rapidità con cui s’instaura.

Perché nasce l’Ambulatorio per l'anemia?

E’ possibile curare l’anemia attraverso delle infusioni di ferro. Non tutti i farmaci sono uguali e non ottengono gli stessi risultati. Presso la Casa di Cura viene utilizzato un farmaco a infusione che permette che il ferro iniettato raggiunga il midollo osseo in circa 30 minuti dalla somministrazione e vi resti disponibile per la formazione di nuovi globuli rossi per periodi più lunghi rispetto ai farmaci tradizionali, grazie al rilascio controllato.

Quando è indicato effettuare la somministrazione endovena di ferro?

Secondo le linee guida ESC 2016 HF questa terapia è indicata per pazienti con una concentrazione di emoglobina nel sangue inferiore a 10 g per decilitro, (Hb<10g/dl), ma anche in pazienti con emoglobina compresa tra 10-13 che hanno una saturazione della transferrina inferiore al 20% (un valore associato alla carenza di ferro).

Come si somministra il farmaco?

Il farmaco utilizzato permette una somministrazione fino a 1000 mg di ferro con una seduta da 15/20 minuti. Con altri farmaci servirebbero, per lo stesso quantitativo, fino a 20 infusioni.

Per i pazienti allettati, il servizio è stato attivato anche a domicilio.

Per maggiori informazioni sul servizio puoi consultare il nostro sito web www.nuovavillaclaudia.it