Le proprietà  dell ‘aloe vera erane conosciuta già  5.000 anni fa (nel 1862 George Ebers ne scoprì traccia in un papiro egiziano).  Altre testimonianze ci vengono dai ritrovamenti di...

ALOE VERA, DAGLI EGIZI AI GIORNI NOSTRI

postato da masfunaro il 27/09/2010
Categoria: Salute e Benessere - tags: acidi grassi polinsaturi + aloe + antrachinoni + gel + hdl
ALOE VERA

Le proprietà  dell ‘aloe vera erane conosciuta già  5.000 anni fa (nel 1862 George Ebers ne scoprì traccia in un papiro egiziano).  Altre testimonianze ci vengono dai ritrovamenti di alcune tavolette di argilla alla fine dell’Ottocento nella città di Nippur nei pressi di Bagdad, sulle quali vi erano delle incisioni che descrivevano le caratteristiche della pianta. Da ciò si desume che  nel 2000 a.C. la popolazione della Mesopotamia conosceva le proprietà dell’aloe .  Solo in epoca recente (Bill Coats, 1959) si sono studiate e fondo la composizione e le proprietà della pianta.
Ma quali sono le sostanze  contenute in questa pianta, che  fanno di essa una delle più studiate tanto da ricevere la definizione di “pianta miracolosa”?
Innanzi tutto la sua composizione è talmente completa, che ne fanno di essa una pianta unica.  Contiene praticamente tutto.
Vitamine: Tutte le vitamine del gruppo B (B1-B2-B3-B6-B12); Acido folico; Vitamina A-C-E (importantissimi antiossidanti)
Enzimi: Contiene una gamma di enzimi molto vasta.  Enzimi digestivi (lipasi,amilasi, proteasi); enzimi con attività analgesica, antiinfiammatoria e immunostimolante; enzimi muscolari (creati-fosfochinasi); catalasi, fosfatasi acida ed alcalina, nucleotidasi.
Minerali: Tutti i minerali sono  presenti in Aloe vera (calcio, fosforo, magnesio, rame, manganese, sodio, ferro, cromo, zinco e potassio.
Mono e polisaccaridi: Tra di essi è da menzionare, senza dubbio, l’acemannano. Tale composto non è normalmente presente nel nostro organismo, ma si è visto avere un’azione di protezione verso i linfociti  (le cellule che ci difendono dalle infezioni e non solo)

Antrachinoni: ne sono contenuti all’interno della pianta veramente una miriade, svolgendo le seguenti azioni: antibiotiche, analgesiche, lassative, fungicide, battericide, detergenti, calmanti, di
Saponine e lignine: Sembra che ambedue abbiano delle proprità cosmetiche importanti
Acidi grassi polinsaturi: Aumentano il colestrolo HDL riducendo il colesterolo LDL, per cui prevengono la la formazione della placca aterosclerotica.
Aminoacidi: Contiene 20 amino acidi, di cui 7 di essi essenziali (aminoacidi che l’organismo non riesce a produrre)

Dopo avere esaminato la composizione della pianta, si intuisce come siano molteplici i campi di applicazione medica dell’aloe.
L’aloe ha un uso sia esterno che interno

Usato esternamente il gel di Aloe Vera possiede proprietà antinfiammatorie, lenitive, calmanti, idratanti, anestetiche, rinfrescanti, cicatrizzanti, antibiotiche, quindi  è efficace in caso di pelle secca e danneggiata, mani screpolate, irritazioni della pelle e ustioni, scottature solari, punture di insetti, prurito, abrasioni, dermatiti, lesioni ulcerative, piaghe, pustole della varicella pruriginose, nonché trattamenti pre-solari e doposole

Utilizzato per via sistemica (orale), molteplici sono gli effetti dell’Aloe Vera. Il più importante è senza dubbio quello di regolarizzare la secrezione dello stomaco svolgendo quindi un’azione protettiva sulla mucosa gastrica; se a ciò si aggiunge l’effetto riepitelizzante, più pronta sarà la gurigione delle ulcere gastriche. Migliora la secrezione di bile dal fegato. Ha un effetto antiossidante sui radicali liberi,  regolarizza la motilità intestinale creando un ambiente adatto allo sviluppo della flora batterica intestinale protettiva.Un’altra funzione importante dell’Aloe Vera è quella immunostimolante (in natura esisto altre piante con azione immunostimolante come ad es. l’echinacea, di cui discuteremo in un altro articolo) ed antiinfiammatoria.

L’aloe Vera si trova in commercio sotto forma di gel per l’uso esterno,  di perle,  di sciroppo, di gocce, di dentifricio.

Un consiglio importante, prima di utilizzare qualsiasi sostanza anche se essa è naturale, è sempre bene consultare il proprio medico.Tutte le sostanze assunte  possono avere degli effetti collaterali, ciò vale anche per l’Aloe Vera, che va sempre utilizzata alle dosi consigliate (l’Aloe in dose eccessiva causa diarrea e coliche addominali ed in soggetti ipersensibili può causare dermatiti, che scompaiono con la sospensione del trattamento).

Vi sono anche delle controindicazioni all’uso dell’Aloe Vera, una di questa è la gravidanza, non va assunta dai bambini al disotto dei 12 anni di età, nell’allattamento, nella diverticolosi intestinale, nelle persone con un grosso intestino molto lungo, in pazienti con occlusione o subocclusione intestinale, in pazienti con emorroidi e/o fistole perianali.

mentre il gel può essere usato per lunghi periodi, l’assunzione orale non va mai prolungata per più di 10 giorni
Attenzione all’assunzione contemporanea con altri farmaci, come gli antiaritmici di tipo chinidinico, i digitalici, i diuretici che provocano perdita di potassio, come la vincamina e il fenoxedil.

BIBLIOGRAFIA.
  1. Fintelmann V. Modern phytotherapy and its uses in gastrointestinal conditions. Planta Med. 57, S 48-S 52, 1991.
  2. Sendelbach L.E. A review of the toxicity and carcinogenity of antraquinone derivatives. Toxicology, 57, 227-240, 1989.
  3. Ishii J. et al. Studies of Aloe. Mechanism of cathartic effect. Chem. Pharmaceutical Bull. 38, 197-200, 1990.
  4. Ishii Y. et al. Studies of aloe. VI. Cathartic effect of isobarbaloin. Biol. Pharm. Bull. 21, 1226-1227, 1998.
  5. Vogler B.K. et al. Aloe vera: a systematic review of its clinical effectiveness. Br. J. Gen. Pract. 49, 823-828, 1999.
  6. Williams M.S. Phase III double-blind evaluation of an Aloe vera gel as a prophylactic agent for radiation-induced skin toxicity. Int. J. Radiation Oncol., Biol. Physics 36, 345-349, 1996.
  7. Syea T.A. et al. Management of psoriasis with Aloe vera extract in a hydrophilic cream: a placebo controlled, double blind study. Topical Med. Int. Health 1, 505-509, 1996.
  8. Chithra P. et al. Influence of Aloe vera on collagen characteristics in healing dermal wounds in rats. Mol. Cell. Biochem. 181, 71-76, 1998.
  9. Grimme H. et al Phytotherapy in chronic dermatoses and wounds: what is the evidence? Forsch. Komplementarmed 6 Suppl 2:, 5-8, 1999.
  10. Choi S.W. et al. The wound-healing effect of a glycoprotein fraction isolated from aloe vera. Br. J. Dermatol. 145, 535-545, 2001.
  11. Heggie S. et al. A Phase III Study on the Efficacy of Topical Aloe Vera Gel on Irradiated Breast Tissue. Cancer Nurs 25(6):442-51, 2002.
  12. Richerdson J. Et al. Aloe vera for preventing radiation-induced skin reactions: a systematic literature review. Clin Oncol (R Coll Radiol). 17(6):478-84, 2005.