Allerta alimentare: cartoni per pizza al piombo segnalati dal sistema di allerta alimentare della Valle d’Aosta. Si vigili sul territorio nazionale   Dopo che il sistema di allerta alimentare...

Allerta alimentare: cartoni per pizza al piombo segnalati dal sistema di allerta alimentare della Valle d’Aosta

giovanni d'agata

Allerta alimentare: cartoni per pizza al piombo segnalati dal sistema di allerta alimentare della Valle d’Aosta. Si vigili sul territorio nazionale

 

Dopo che il sistema di allerta alimentare della Valle d’Aosta ha segnalato il ritiro dal mercato di due lotti di cartoni per pizza e calzone a causa di un rischio chimico, in particolare per la presenza di piombo torna in auge la questione della pericolosità delle confezioni e contenitori utilizzati per il trasporto di prodotti alimentari anche quelli più apprezzati e diffusi come la pizza.

Si stima, infatti, che quotidianamente nel Nostro Paese oltre 1,5 milioni di pizze vengono preparate e trasportate in confezioni di cartone, che a norma di legge devono essere prodotte a base di cellulosa vergine.

Sul tema, la nostra normativa è tra le più severe in Europa e vieta l’impiego di materiale riciclato e anche la presenza di scritte all’interno dei contenitori che trasportano questo tipo di alimenti.

La  necessità di  questo genere di precauzioni scaturisce dall’esigenza di evitare qualsiasi contaminazione di un alimento come la pizza che per natura è umido e ricco di grassi  e perciò in grado di estrarre dal cartone sostanze sgradite soprattutto quando viene inserita appena sfornata e quindi calda anche a 60/65°C  e per diversi minuti. Tutte condizioni ideali a favorire la migrazione. Nel cartone riciclato, infatti, non è raro trovare tracce di piombo, ftalati e altre sostanze tossiche.

Secondo quanto riferito dall’allerta in questione, entrambi i lotti sono in corso il ritiro o già ritirati dai punti vendita.

Alla luce di tale notizia, Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” ritiene utile da parte delle autorità sanitarie ma anche dei NAS dei carabinieri, un’indagine a campione sul territorio al fine di verificare l’utilizzo corretto di cartoni di cellulosa vergine e non di materiale riciclato.