Le allergie sono diventate sempre più comuni, soprattutto nei paesi più sviluppati. Questo perchè ci siamo abituati a vivere in ambienti eccessivamente puliti.Infatti secondo Guy Delespesse della...

Allergie ed eccesso di igiene vanno poco d'accordo.

allergie

 Le allergie sono diventate sempre più comuni, soprattutto nei paesi più sviluppati. Questo perchè ci siamo abituati a vivere in ambienti eccessivamente puliti.Infatti secondo Guy Delespesse della Facoltà di Medicina dell'Università di Montreal (Francia). Le allergie possono essere ereditarie o possono essere provocate dall'inquinamento atmosferico, dall'alimentazione, dallo stress e dal fumo. Ma negli ultimi anni potrebbe aver contribuito al loro aumento anche l'eccessiva pulizia e la mancanza di batteri nell'ambiente.
“Quanto più un bambino vive in un ambiente sterile”, ha detto Delespesse, “maggiore è il rischio che lui o lei sviluppino allergie o problemi immunitari”. Nel 2010 un bambino su 10 è asmatico e il tasso di mortalità legato a questo è aumentato del 28 % tra il 1980 e il 1994.
“Le regioni in cui le condizioni sanitarie sono rimaste stabili hanno mantenuto un livello costante di allergie e malattie infiammatorie. Allergie e altre malattie autoimmuni, come il diabete di tipo 1 e la sclerosi multipla, sono provocate dal nostro sistema immunitario che si rivolta contro di noi. Nel nostro apparato digerente i batteri sono essenziali e servono anche ad educare il nostro sistema immunitario. Gli insegnano a reagire alle sostanze esterne”.
Anche se l'igiene non riduce la nostra esposizione ai batteri nocivi, limita la nostra esposizione ai microrganismi benefici. Di conseguenza, la flora batterica del nostro apparato digerente non e così ricca e diversificata come invece dovrebbe essere. Secondo Delespesse, il consumo di alimenti probiotici, come lo yogurt, può contribuire a combattere il problema introducendo artificialmente dei batteri nel nostro organismo: “Non è un rimedio miracoloso, ma sono uno dei tanti elementi che migliorano la nostra dieta e la nostra salute”.