L’emozionante equilibrio tra gli opposti della biomeccanica teatrale Cercando su un motore di ricerca internet le parole: Corsi Teatro Roma o Scuole Recitazione Roma (o Accademie Teatro Roma o...
postato da alesfor71 il 14/08/2015
Categoria: Scuola - tags: corsi teatro roma + scuola teatro roma + scuole recitazione roma
Scuola Teatro Roma: Laboratori e Biomeccanica Teatrale

L’emozionante equilibrio tra gli opposti della biomeccanica teatrale

Cercando su un motore di ricerca internet le parole: Corsi Teatro Roma o Scuole Recitazione Roma (o Accademie Teatro Roma o Laboratorio Teatrale Roma o Corso Scuola Recitazione Roma), l’aspirante allievo attore rischia di smarrirsi in un labirinto di proposte di scuole e corsi di recitazione che ogni anno si moltiplicano in tutti i quartieri di Roma.

La Palestra dell’Attore è una Scuola di Recitazione diretta da Claudio Spadola che da 12 anni a Trastevere (Roma Centro) propone un percorso di formazione per chi vuole diventare attore ed è un punto di riferimento per chi vuole impegnarsi nella scoperta e sviluppo della propria creatività ed espressività confidando sull’approccio fisico e ludico della biomeccanica teatrale.

La Biomeccanica teatrale è un training psicofisico per attori inventato da V. Mejerchol’d, maestro russo del ‘900 e ormai considerato da tutti gli storici come il più grande regista di tutti i tempi. In realtà Mejerchol’d ha selezionato ed elaborato molti esercizi delle migliori tradizioni teatrali o performative di tutto il mondo e li ha resi più comprensibili e fruibili per l’attore contemporaneo e più vicini alla struttura mentale dell’uomo occidentale.

La Biomeccanica Teatrale permette all’attore, attraverso semplici esercizi fisici e giochi d’improvvisazione, di far proprie le innumerevoli potenzialità delle leggi che governano l’equilibrio. Queste infatti non sono solo le leggi che governano tutte le dinamiche fisiche del cosmo ma anche quelle che governano le dinamiche della creatività, della composizione originale e della nascita della cosiddetta seconda natura, indispensabile all’attore.

La Biomeccanica Teatrale porta chi la pratica all’acquisizione di un sapere fisico, cioè alla continua ricerca dell’equilibrio tra gli opposti. Gli esercizi di biomeccanica teatrale sono accessibili a tutti perché anche i principianti di ogni età (anche adulti e anziani) possono esperire questi opposti in equilibrio giocando con la meccanica delle forze che agiscono sul corpo umano (come in generale su tutto ciò che è in vita, il Βios), e il cui sbilanciamento e bilanciamento organizzato (dalla mente dell’uomo) e organico (cioè che non perde la sua necessità e non diventa solo formale) si trasforma in camminare, correre, danzare, cantare, recitare, emozionarsi ed emozionare, rendere i movimenti e gli eventi interessanti, attrarre, comporre, fare arte.

Questo sapere fisico si dilata quindi all’estetica e alla recitazione. Lo scopo primario della biomeccanica teatrale, infatti, è di essere un training psicofisico per attori. Attori versatili, veri, ricchi di grande espressività e creatività.
Questo è lo spirito che anima la pedagogia e i maestri della Scuola di Teatro diretta da Claudio Spadola a Roma. Ciò vale per ogni corso: il corso biomeccanica teatrale o il corso improvvisazione teatrale o il corso recitazione principianti o il corso teatro ricerca per attori che vogliono dedicarsi al perfezionamento o alla sperimentazione.
In poche parole: Corsi Teatro Roma per Tutti, Principianti, Adulti, Giovani.

La Palestra dell’Attore.

Alcuni brani dell’articolo sono tratti dal saggio di CLAUDIO SPADOLA, Biomeccanica Teatrale.
L’inaspettato della vita nella meccanica della recitazione.
Manuale per attori e non solo, Roma, 2015

Fonte: http://www.palestradellattore.it/